Anagrafe Apistica Nazionale: un seminario a Teramo per spiegare l’utilizzo dell’applicativo web di gestione

Il 23 febbraioal Centro Internazionale per la Formazione e l’Informazione Veterinaria dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise (IZSAM) di Colleatterrato Alto, Teramo, si svolge il seminario “L’utilizzo dell’applicativo web per la gestione dell’Anagrafe Apistica Nazionale”.

L’IZSAM possiede un elevato livello di competenza tecnica nel settore delle anagrafi animali dato che da oltre 10 anni gestisce al proprio interno il Centro Servizi Nazionale, istituito nel gennaio del 2002 dal Ministero della Salute con il compito di progettare, realizzare e gestire la Banca Dati Nazionale informatizzata dell’Anagrafe Zootecnica.

Il 19 gennaio di quest’anno, inoltre, è stata istituita anche l’anagrafe delle api per la tracciabilità di questi piccoli animali che rappresentano un pilastro fondamentale per l’agricoltura di ogni Paese. L’operatività del sistema permette agli apicoltori di registrarsi sul portale del Sistema Informativo Veterinario raggiungibile dal sito del Ministero della Salute, al quale possono accedere operatori delle Asl, aziende e allevatori per registrare l’attività, comunicare una nuova apertura, specificare la consistenza degli apiari e il numero di arnie o le movimentazioni per compravendite.

L’anagrafe apistica è stata creata per tutelare le api e gli apicoltori viste anche le gravi patologie che hanno colpito la popolazione apiaria negli ultimi tempi, come ha dichiarato il Ministro Beatrice Lorenzin: “Si tratta di un passo in avanti decisivo sia per il lavoro degli apicoltori che per la salute dei consumatori. La nuova anagrafe ci consentirà di garantire la tracciabilità degli apiari e del miele, la legittimità dei contributi finanziari pubblici agli apicoltori e, soprattutto, favorirà il controllo sulle malattie delle api e la gestione delle emergenze”.

Il seminario di lunedì 23 febbraio è destinato principalmente ai referenti della Federazione Apicoltori Italiani (FAI) e ad altri operatori del settore. L’obiettivo è far conoscere loro i moduli funzionali del sistema informativo e spiegarne l’utilizzo pratico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *