Dal 13 al 15 marzo, a LancianoFiera, la 26esima edizione di “Abitare Oggi”

“Abitare Oggi”, come le altre rassegne del Consorzio Frentano, offre l’opportunità di confronti seri e costruttivi anche su questioni complesse che ancora fanno discutere. Ma non ci sono solo convegni specifici ed esposizioni tecniche. E’ quel che racchiude la manifestazione nazionale dell’Edilizia e Architettura, in programma dal 13 al 15 marzo prossimi a LancianoFiera.

Partecipare a una Fiera non è soltanto l’opportunità di far conoscere a un pubblico vasto, spesso competente, la propria produzione, ma è anche la positiva occasione di cogliere informazioni e chiarimenti utili per l’attività. E la 26esima edizione di “Abitare Oggi” interpreta pienamente questo concetto: alla parte espositiva, pure importante, aggiunge un calendario di incontri e convegni di grande interesse per la loro specificità e per la presenza di esperti e tecnici di settore. Architetti, geometri, ingegneri e avvocati si sono dati appuntamento a Lancianofiera con convegni formativi e informativi che valgono anche fino a 4 crediti. “Non è un mistero che il settore dell’edilizia sia uno di quelli che ha maggiormente risentito della crisi e che vive ancora tra mille difficoltà – dice il presidente Franco Ferrante – noi in questa edizione abbiamo voluto privilegiare la formazione e l’informazione, la massiccia presenza di tecnici è una garanzia di serietà e di conoscenza per le ditte espositrici. Sono tanti e di grande attualità gli argomenti che saranno affrontati nel corso delle tre giornate di Abitare Oggi che ha pure un nuovo logo accompagnato da parole che evocano gli obiettivi di questa edizione 2015”. Una immagine e una veste completamente rinnovate. “Abitare Oggi” l’anima creativa del costruire, la rassegna nazionale dell’edilizia e dell’architettura che si terrà a Lancianofiera dal 13 al 15 marzo prossimi mette ancora una volta al centro la casa, ma lo fa affrontando da più angolazioni e ascoltando pensieri e proposte diversi su come saranno o dovrebbero essere le abitazioni del futuro. Su come cercare un equilibrio tra modernità e salvaguardia del territorio. Una Fiera, dunque, in linea con le attuali esigenze.

Ed è proprio questa capacità di interpretare le richieste del mercato e del territorio che fa di questa rassegna un punto di riferimento significativo per gli operatori del settore e per i tanti visitatori che avranno l’occasione di cogliere spunti per ripensare gli ambienti, studiare soluzioni innovative e aggiungere altri comfort alla propria casa. L’efficacia di “Abitare Oggi” è testimoniata anche dalla partecipazione degli Ordini Professionali che hanno scelto i padiglioni di Lancianofiera per confrontarsi su temi importanti, per far conoscere le proprie posizioni in merito al “costruire e all’abitare”, per dare suggerimenti, per offrire spunti di riflessioni. E i temi sui quali discutere sono tanti e nessuno è trascurabile. Dal comfort abitativo al risparmio energetico.  Incontri che di certo richiameranno una presenza numerosa. Si parlerà anche di “Housing sociale”e quindi di emergenza abitativa. Mai come in questo periodo difficile la cronaca racconta di case occupate abusivamente, di case vuote non assegnate..Come gestire con equità il patrimonio edilizio a disposizione dagli amministratori? come per esempio le ex case popolari, quali i criteri da seguire per favorire l’accesso alle persone che davvero ne hanno bisogno, che vivono una situazione svantaggiata?… Tante le domande alle quali si cercherà di dare risposte chiare e concrete.

Il bello, l’elegante, il raffinato continuano a essere parte integrante di “Abitare Oggi”. E se lo scorso anno uno spazio era stato riservato ad alcune straordinarie opere di designer italiani che hanno esportato la loro creatività al Moma di New York, 40 anni fa, con pezzi, molto famosi, dalle linee essenziali ed eleganti, veri oggetti di culto degli anni 70,questa edizione omaggia il grande disegnatore e architetto Le Corbusier, a 50 anni dalla morte.

“Sono certo che essere presenti a una rassegna che continua la strada della specializzazione, sia importante e costruttivo proprio per chi opera in questo comparto. Noi – conclude Ferrante – lavoriamo con la convinzione che la Fiera rappresenti un luogo ricco di opportunità per l’economia del territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *