Pescara: picchiava spesso la compagna, lo ferma la polizia

La Polizia di Stato ha arrestato un 44enne pescarese, pluripregiudicato, domiciliato a Pescara, per il reato di maltrattamenti in famiglia  in danno della convivente, nonché per resistenza a pubblico ufficiale. I fatti: gli agenti della Squadra Volante sono intervenuti nel centro cittadino in merito ad una segnalazione di lite in famiglia. Sul posto, dopo aver individuato l’appartamento, contattavano l’uomo, il quale riferiva di essere solo in casa; ma gli agenti in quello stesso frangente udivano dei lamenti provenire dalla vicina camera da letto, dove si trovava la convivente di 33 anni. La donna aveva il volto ed il naso tumefatto, con lividure ad entrambi gli occhi, le labbra gonfie, livide e con piccole lacerazioni sanguinanti. Agli operatori, l’uomo riferiva che, durante una lite, entrambi sarebbero caduti lungo le scale, riportando dei lividi, mentre la donna forniva un’altra versione dei fatti, riferendo che sin dall’inizio della loro relazione, che durava da alcuni mesi, subiva dal compagno reiterate violenze domestiche di tipo fisico e verbale.

L’uomo con fare minaccioso urlava verso la donna per intimorirla ed impedirle di recarsi in ospedale a farsi visitare, e cerava di dirigersi con impeto verso la camera dove si trovava la compagna; la donna veniva però salvaguardata dall’intervento della Polizia. L’uomo quindi, resisteva con violenza e aggrediva uno degli agenti, che però conteneva immediatamente l’azione violenta dell’uomo. A quel punto  veniva arrestato e, dopo le formalità di rito, veniva accompagnato presso la locale Casa Circondariale, in attesa dell’udienza giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *