Piano traffico a Montesilvano, passa proposta del M5S: “Sì a convenzione con l’Università D’Annunzio”

Il Movimento 5 Stelle di Montesilvano, ha proposto una convenzione con il dipartimento di Architettura dell’Università D’Annunzio di Pescara, “con lo scopo di individuare proposte più creative attraverso uno strumento idoneo e trasparente” per riuscire ad elaborare un piano traffico per la città, che oggi conta 51 mila abitanti.

L’ultimo studio per migliorare la viabilità risale agli anni novanta, e, ad oggi, non si è ancora concretizzata nessuna proposta volta alla risoluzione definitiva della viabilità urbana esistente. “In realtà – spiegano gli esponenti del M5S -, l’obiettivo che ci prefiggiamo è quello di ottenere non solo un piano per la gestione del traffico veicolare ma programmare e pianificare un sistema alternativo alla  mobilità di oggi, caratterizzata  quasi esclusivamente da spostamenti di persone e merci principalmente su strada, utilizzando mezzi altamente inquinanti e rumorosi. E’ necessario rendere più fruibile il nostro territorio e le sue risorse, migliorando la qualità dell’ambiente e le condizioni di vita nei centri abitati, limitando il consumo del suolo e il degrado degli spazi pubblici, in pratica, la città ha bisogno di un Piano della Mobilità Sostenibile (PUMS). Da molti anni oramai a Montesilvano si parla del PUT senza purtroppo arrivare ad una conclusione. Per realizzare un Piano Urbano del Traffico occorrono risorse economiche e figure professionalmente all’altezza. Così, data la situazione finanziaria non ottimale del nostro Ente, e per non scaricare sulla collettività l’onere di parcelle da capogiro per  professionisti del settore, abbiamo pensato ad una collaborazione con l’Università. La nostra proposta è quella di avvalersi di un laboratorio di progettazione e di studio da attivarsi nell’attuale anno accademico che si concentrerà sui vari temi che riguardano l ’aspetto urbanistico e ambientale della mobilità sostenibile. In una situazione difficile come quella di oggi questa scelta può avere diversi vantaggi  sia per il nostro Ente, che potrà avvalersi delle specifiche competenze di carattere tecnico-scientifico in grado di programmare e sviluppare delle linee di intervento per una mobilità sostenibile, sia per gli studenti  che alla fine potranno svolgere un’ esperienza formativa all’interno del Comune. Ovviamente in tal modo si eviteranno spese ingenti per consulenze esterne al fine di dare forma al Piano Urbano del Traffico. Fino ad oggi le passate amministrazioni si sono trincerate dietro la mancanza di fondi per la creazione di un PUT adeguato finalizzato a migliorare le condizioni di viabilità della nostra città. Ora la soluzione c’è, è stata approvata dall’assise comunale, senza gravare ulteriormente sul bilancio comunale e di conseguenza sulle famiglie montesilvanesi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *