Droga: 3 fermi nella Valle Peligna. Deve scontare 4 e mesi 8 di reclusione, arrestato a Pescara

Tre giovani di 26, 24 e 20 anni sono stati arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Sulmona. Per loro, tutti della Valle Peligna, il reato contestato è quello di detenzione di sostanze stupefacenti finalizzata allo spaccio. L’operazione, avvenuta nei pressi della Tiburtina Valeria ricadente nel comune di Corfinio, è scattata a seguito di numerosi servizi di osservazione. Infatti molti cittadini avevano segnalato strani e numerosi movimenti di auto e di giovani che, con il favore del buio, si recavano presso un rudere posto nelle adiacenze della predetta arteria stradale. I militari hanno colto sul fatto i giovani, che nascondevano da una cassetta dell’Enel posta a ridosso del rudere un involucro di piccole dimensioni e, subito dopo, i tre si sono ricongiunti e si sono avviati lungo la Tiburtina Valeria. In quel momento sono intervenuti i Carabinieri che, oltre ai tre, hanno fermato ed identificato altre persone che, apparentemente, potevano sembrare potenziali acquirenti. L’estraneità ai fatti di questi ultimi, invece, si è immediatamente chiarita, mentre i militari hanno proceduto all’identificazione dei giovani poi arrestati. Da subito il giovane che aveva prelevato la confezione ha consegnato un pacchetto di sigarette contenente 21 pasticche di ecstasy risultate positivo al drug test. I giovani, dopo le formalità di rito, sono stati tradotti presso la propria abitazione e sottoposti al regime degli arresti domiciliari come disposto dal magistrato di turno della Procura presso il Tribunale di Sulmona Stefano Iafolla.

Personale della Polizia di Stato di Pescara,  ha tratto in arresto C.A., 40enne casertano, residente a Pescara e T. E, 74enne pescarese. Nella circostanza personale della Squadra Mobile in esecuzione all’ordine di  Carcerazione  emesso in data il 26 febbraio scorso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Pescara ha arrestato  C. A. dovendo lo stesso espiare la pena di anni 4 e mesi 8 di reclusione per spaccio di sostanze stupefacenti. L’arrestato, dopo le formalità di rito, veniva condotto presso la locale casa circondariale. Medesimo personale, in esecuzione all’ordinanza emessa dal Tribunale di Sorveglianza di L’Aquila,  ha arrestato, sottoponendolo alla  misura degli arresti domiciliari, T.E. dovendo lo stesso espiare la pena di mesi nove  di arresto per possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso, in concorso.

Nella  tarda serata di ieri, è stato arrestato di P.R., 50enne della provincia di Pescara e G.R., 35enne della provincia di Bologna, per furto aggravato in concorso. La Squadra Volante è intervenuta in Piazza Alessandrini dove un responsabile della società Pescara parcheggi aveva sorpreso i due uomini  che stavano prelevando monete all’interno di un parchimetro, dopo averlo forzato. Una volta scoperti i due autori cercavano di fuggire, ma venivano rintracciati a poca distanza grazie alle precise descrizioni fornite dal richiedente. I colpevoli, oltre ad essere pregiudicati hanno entrambi a proprio carico un provvedimento di foglio di via obbligatorio dalla città, emesso dal Questore. Al termine degli accertamenti i due uomini venivano tratti in arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *