A scuola dai NAS per stare in guardia dalla sofisticazioni alimentari

“In guardia dalle sofisticazioni alimentari” e “a scuola dai NAS” sono i temi che il NAS di Pescara stanno portando nelle scuole primarie e secondarie di primo grado d’Abruzzo, nell’ambito del progetto di “cultura della legalità” promosso dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri.

Questa mattina le porte del Comando NAS di Piazza Italia si sono aperte per la prima volta agli studenti: gli allievi delle classi quinte della primaria “Gioberti”, appartenente al “comprensivo 5” di Pescara.

Sofisticazioni e frodi alimentari, farmaci contraffatti e doping nello sport, esperimenti e campionatura di alimenti adulterati sono stati illustrati Capitano Domenico Candelli che, con le competenze del Luogotenente Placido  Abbatantuoni e dei Marescialli Fortunato e Musella, ha introdotto i ragazzi a concetti espressi con semplicità, che hanno ispirato tante interessanti domande.

Alunni accompagnati dalle loro insegnanti ed dalla dirigente scolastica, Cornelia Francesca Berardinelli, che ha fortemente voluto questo originale momento formativo per gli alunni del comprensivo pescarese.

La visita delle primarie era stata preceduta, nei giorni scorsi, da un incontro formativo tenuto dagli stessi carabinieri del NAS di Pescara nell’aula magna della scuola media “Rossetti” di Pescara. Gli allievi delle terze medie, che si stanno avviando all’Expo 2015 di Milano in un interessante progetto sull’alimentazione con la realizzazione di un cortometraggio, hanno udito i consigli sull’alimentazione sana forniti dal comandante Candelli e dal Luogotenente Antonio Mantini,  nella loro esposizione sulle sofisticazioni. Anche i ragazzi devono sapere leggere le etichette degli alimenti, individuare se il prodotto è italiano, scoprire se è inscatolato nel periodo di maturazione della materia prima, ma anche  riconoscere se l’acqua minerale ha delle contaminazioni, quando il pesce è realmente fresco o da quale tipo di allevamento proviene l’uovo, intuendo le possibili frodi nell’etichettatura e nelle forme di conservazione dei cibi. Consigli che molti hanno custodito per poterli riversare ai loro genitori, ma anche un link http://www.carabinieri.it/cittadino/consigli/tematici/giorno-per-giorno per rileggere assieme a mamma e papà quelle cose interessanti che avevano ascoltato dai Carabinieri del NAS.

Tante, tantissime domande da parte di ragazzi e ragazze: da cosa sono gli OGM, alle differenze fra prodotti ittici di allevamento e pescato, dalla temperatura ideale per la cottura dei fritti alle differenze fra i vari tipi di olio in commercio. A margine dell’incontro tre ragazzi e tre ragazze, impegnati nella realizzazione del corto che presenteranno all’expo, si sono scoperti giornalisti e, come in un vero TG, hanno realizzato le interviste  ai due Carabinieri del NAS.

Gli incontri nelle scuole coi carabinieri del NAS proseguiranno durante tutto l’anno scolastico e toccheranno scuole di ogni ordine e grado della regione Abruzzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *