Acerbo (RC): “L’ufficio legale della più grande opera pubblica a L’Aquila a un condannato di Sanitopoli?”

“E’ lui o non è lui? E se è lui, come la mettiamo?” L’interrogativo se lo pone Maurizio Acerbo, della segreteria nazionale del Partito della Rifondazione Comunista, il quale, dopo aver controllato l’appalto per il rifacimento dei sottoservizi nel centro storico dell’Aquila (acquedotto, fognature, reti elettriche e telefoniche)  presentato al momento dell’affidamento come la più grande opera pubblica del post-sisma del 6 aprile 2009, si è posto la domanda, che ovviamente cerca risposta, sul ruolo, come responsabile dell’ufficio legale dell’opera, all’avvocato Antonio Boschetti.

“Se non si tratta di un caso di omonimia temiamo che sia lo stesso Antonio Boschetti già consigliere regionale della Margherita, Presidente della Commissione Sanità regionale e poi assessore della giunta Del Turco, condannato a 4 anni nel processo Sanitopoli. In tal caso – afferma Acerbo – non possiamo che denunciare con fortissima indignazione che sulla ricostruzione continuano ad affollarsi ombre come del resto accade nella vita politica regionale. Possibile che per seguire un appalto a L’Aquila si debba chiamare un avvocato di San Salvo per giunta condannato in primo grado? Da quel che sappiamo il PD non ha mai messo fuori dalla porta il condannato Boschetti che partecipa normalmente a iniziative pubbliche, nel suo territorio continua a esercitare una forte influenza politica e probabilmente ha pure la tessera in tasca”.

Come si sa, alcuni giorni addietro, per per il rifacimento dei sottoservizi nel centro storico della città capoluogo, è stato affidato il primo lotto di 30 milioni a un’associazione temporanea d’impresa composta da tre aziende: Acmar, Edilfrair e Taddei. Per l’esecuzione dei lavori l’ATI ha costituito la società operativa ASSE CENTRALE S.c.ar.l. La Gran Sasso Acqua Spa, società pubblica di gestione del servizio idrico integrato, è la stazione appaltante dell’opera. Il primo lotto consiste nella realizzazione dello Smart Tunnel, un tunnel sotterraneo all’interno del quale passeranno i principali servizi della città, percorribile a piedi dai tecnici. Renderà possibile, in caso di guasti e/o di interventi di manutenzione sulle reti, è semplice individuare il problema ed intervenire (tutte le notizie sul progetto sono reperibili su internet: http://www.sottoserviziaq.it/it/home.html)

“La Gran Sasso acqua è una società pubblica di cui è azionista il Comune dell’Aquila che è guidato da un sindaco PD, in una regione guidata da un presidente PD frequentatore abituale di aule giudiziarie – sottolinea l’esponente di Rifondazione -. Il Presidente della Gran Sasso Acqua è Americo Di Benedetto, esponente renziano del PD. E’ forte la sensazione che il sistema di potere del PD abruzzese non solo non sia in grado di allontanare perlomeno i condannati ma che questi si ricavino uno spazio nel rapporto tra politica e imprese o comunque vengano tutelati e ricollocati magari in attesa della solita prescrizione. Di tutto questo il Partito Democratico ma anche le imprese che hanno ottenuto l’appalto dovrebbero rendere conto all’opinione pubblica aquilana, regionale e nazionale. Se Antonio Boschetti è proprio quello lì perché Boschetti ricopre per ruolo?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *