A San Vito seminario sul progetto europeo per l’Ostrica piatta dell’Adriatico

Domani, con inizio alle ore 10:30, si terrà a San Vito Chietino, presso la Sala Consiliare del Comune in Piazza Municipio, il secondo Seminario che intende realizzare un percorso informativo volto a diffondere e rendere disponibili le innovazioni di gestione e le soluzioni tecnologiche sviluppate nell’ambito del progetto OSTREA Abruzzo, agli operatori del settore e agli organi gestionali operanti nel comparto ittico abruzzese; mettere in atto iniziative volte a creare un nuovo settore di mercato interessato al prodotto “Ostrica piatta abruzzese” e sensibile alle parole chiave: qualità, sostenibile, tipico e filiera corta.

Il progetto OSTREA ABRUZZO è finanziato dal programma europeo FEP 2007/2013 Fondo Europeo per la Pescara con la finalità di sviluppare sistemi di acquacoltura e molluschicoltura del prodotto ittico Ostrica piatta dell’Adriatico.

L’Università di Teramo, Facoltà di Medicina Veterinaria, ha avviato la sperimentazione del progetto pilota OSTREA ABRUZZO nella primavera del 2014 il cui obiettivo specifico è quello di stimolare operatività produttive ambientalmente compatibili, quale la molluschicoltura, che sappiano offrire modelli gestionali capaci di penetrare in mercati potenzialmente ancora aperti ed offrire lo spunto per portare avanti proposizioni reali a carattere regionale e, in prospettiva, nazionale o internazionale. La presenza, infatti, di una produzione quale quella delle ostriche piatte in abruzzesi, qualora gestita secondo tecnologie innovative, può inserirsi in un mercato normalmente dominato da importanti quote di importazione atlantica, sottraendo nel contempo risorse umane impegnate nelle attività di pesca. Inoltre, la prospettiva di aprire settori di mercato di un prodotto caratterizzato da criteri quali sostenibilità ambientale e identità territoriale offre importanti opportunità di sviluppo locale.

Partner del progetto sono insieme all’Università di Teramo i due operatori economici dove sono posizionati gli impianti pilota, Adriatica Offshore Srl di Giulianova e la SILMAR Srl di Vasto ed i due Gruppi di Azione Costiera della Regione Abruzzo, GAC Costa Blu e GAC Costa dei Trabocchi. Partecipano in qualità di partner associati la SIRAM, Società Italiana Ricerca Applicata Molluschicoltura e le Associazioni Qualità Abruzzo e Slow Food.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *