Pugile gambizzato a Pescara, altri 5 arresti

Altri 5 arresti per il ferimento di Emanuel Zuanel, pugile di 33 anni, gambizzato domenica scorsa in via Lago di Capestrano, a Pescara. Il personale della squadra mobile e della squadra volanti della questura di Pescara ha eseguito infatti cinque misure cautelari in carcere nei confronti di altrettanti componenti di un nucleo familiare, padre, due figlie e due nipoti, ritenuti i presunti componenti del commando che si sarebbe reso responsabile del ferimento del giovane. I cinque sono indagati per i reati di tentato omicidio e porto abusivo di armi in concorso con N.W., già arrestato nell’immediatezza dei fatti.

Sarebbe stato L.D.P., uno degli arrestati di oggi, ad esplodere più colpi di pistola all’indirizzo della vittima, tre dei quali hanno attinto il pugile alle gambe, mentre gli altri cinque indagati lo avrebbero ripetutamente colpito con calci e pugni mentre giaceva a terra ferito. Il movente dell’aggressione èstato individuato nelle continue e pressanti richieste di piccoli prestiti che il pugile, disoccupato, avrebbe avanzato negli ultimi tempi nei confronti di N.W.. Le misure cautelari sono state emesse dal gip del Tribunale di Pescara, Nicola Colantonio, su richiesta del pm, Barbara Del Bono. Zuanel è  ricoverato nel reparto di Ortopedia del nosocomio pescarese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *