A Chieti Inaugurata la palazzina del Dipartimento Cuore

Un iter burocratico durato 12 anni, un investimento da 34,5 milioni di euro, sei anni di lavori, 120 posti letto, sale operatorie e attrezzature all’avanguardia e 22 visite di collaudo prima dell’inaugurazione. Avvenuta oggi alla presenza, tra gli altri, del vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Giovanni Legnini, del presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, dell’assessore regionale alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci, del sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, e del Rettore dell’Università di Chieti-Pescara, Carmine Di Ilio. A fare gli onori di casa il Direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Francesco Zavattaro.

La “palazzina M” dell’ospedale di Chieti, una costruzione di sagoma irregolare, con piano interrato e uno seminterrato (rispettivamente 3° e 4° livello), accoglierà numerose unità operative, tutte del Dipartimento Cuore, è ubicata in prossimità dei corpi G e H ed è  destinata ad accogliere il Dipartimento Cuore. Dal 5° livello spiccano due corpi di fabbrica separati, uno con sviluppo altimetrico di quattro piani fuori terra, mentre l’altro, anch’esso a pianta rettangolare, si eleva per otto piani fuori terra. I livelli sono stati denominati in modo congruente con quelli degli altri corpi di fabbrica, al fine di poter garantire il collegamento con il presidio preesistente, che comunica con il nuovo complesso attraverso il corpo D, direttamente, al 5°, 6° e 7° livello e, ancora, con il corpo L al 7° livello, tramite una passerella.

La mappa di servizi e unità operative che troveranno spazio nella struttura, distinti per livelli, sono 3° impianti tecnologici; 4° blocco operatorio, terapia intensiva cardiochirurgica con 12 posti letto; 5° degenza cardiochirurgica con 24 posti letto; 6° laboratorio di emodinamica, ambulatori; 7° degenze, con 14 posti letto; 8° Utic con 20 posti letto, di cui dieci di terapia semi intensiva, e sala di aritmologia; 9° degenze, con 16 posti letto; 10° ambulatori, studi medici; 11° locali a disposizione.

La palazzina è stata realizzata nel rigoroso rispetto delle norme di staticità e antisismicità, ed è dotata dei più moderni e sofisticati sistemi tecnologici e di impiantistica, che ne fanno un centro all’avanguardia. La costruzione vera e propria è stata finanziata con fondi dell’ex art. 20, mentre altri 15 milioni di fondi aziendali sono stati investiti per attrezzature e arredi.

Il progetto per la realizzazione del Dipartimento di Cardiologia e Cardiochirurgia, nell’ambito del completamento del nuovo presidio di Colle dell’Ara, era stato redatto nel 2003 a cura della Proger.

I lavori erano stati aggiudicati con delibera n.1.281 del 26 ottobre 2005 all’Ati costituita da Costruzioni De Cesare di Chieti come capogruppo mandataria, e da Edilizia Di Cosmo, di Chieti, Guerrato, di Rovigo, Solisonda, di Francavilla al Mare, Iab, di Roma per 21 milioni e 10 mila euro. Il tempo previsto per la realizzazione del primo lotto (per 16 milioni di euro) era stato fissato in 730 giorni, mentre il secondo era subordinato al perfezionamento dell’iter per l’assegnazione del finanziamento di 12 milioni 136 mila euro con fondi dell’ex art. 20. I lavori del primo lotto sono stati realizzati in 500 giorni e ultimati nell’agosto 2007. Il secondo lotto, poi, è stato ammesso al relativo finanziamento per 4,7 milioni di euro con delibera di Giunta regionale nell’aprile 2008.

A seguito, poi, dell’adozione del piano di riordino della rete ospedaliera da parte della Regione Abruzzo, si era resa necessaria una revisione del progetto al fine di adeguare l’assetto distributivo alle nuove esigenze dell’azienda sanitaria, oltre che per miglioramenti funzionali e forniture complementari necessari al completamento dell’opera.

Nel febbraio 2009 era stata poi redatta una perizia di variante e suppletiva, che aveva  comportato la rielaborazione dei quadri economici e delibere integrative, tutti passaggi necessari per approdare alla stipula dell’atto aggiuntivo, nel luglio 2011, tra la Asl e l’Ati per i nuovi lavori contemplati nella perizia. Diretta conseguenza di un iter così complesso e articolato, furono lo slittamento dei termini per il completamento dei lavori a maggio 2012 e un aumento dell’importo contrattuale a 33 milioni 990 mila euro.

La copertura economica dell’intervento, come detto, è stata data con un finanziamento residuo ex art. 20 legge 67/88 per 21,8 milioni di euro, e dall’accordo di programma integrativo dello stralcio 2004 relativo allo stesso art. 20 per 12,1 milioni di euro.

Questo, in sintesi, il calendario dei lavori: primo lotto consegna aprile 2006 con scadenza agosto 2008, secondo lotto consegna luglio 2008 con scadenza maggio 2009, perizia di variante e suppletiva del 2011. L’opera ultimata è stata ufficialmente riconsegnata alla Asl a gennaio 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *