L’ex Cofa cade: restano in piedi polemiche e idee sul futuro dell’area

All’alba iniziati i lavori di demolizione dell’ex mercato ortofrutticolo di Pescara, sul lungomare sud della città, promosse dalla Regione Abruzzo. Erano presenti, tra gli altri, il presidente della Regione Luciano D’Alfonso, il sindaco Marco Alessandrini, il presidente della Provincia, Antonio Di Marco.

Sulla destinazione dell’area è ancora tutto da decidere, ma dopo decenni d abbandono, la zona, a ridosso del Ponte del mare, tornerà sgombra . All’avvio dei lavori di demolizione dell’ex Cofa hanno partecipato, questa mattina, anche i consiglieri comunali di centrodestra che già nei giorni scorsi avevano polemizzato sulla procedura seguita diffidando il dirigente del Comune.

“Riteniamo che l’eliminazione di questa struttura sia un fatto positivo ma anche che le procedure seguite siano assolutamente viziate e non capiamo le ragioni per cui ci sia stata questa forzatura amministrativa, tipica delle amministrazioni guidate dal Partito democratico, sia a livello regionale che cittadino”, ha detto il capogruppo di Forza Italia Marcello Antonelli parlando anche a nome di Pescara Futura e Nuovo Centrodestra. “Abbiamo diffidato il dirigente competente rispetto all’atto di assenso della demolizione, che riteniamo non si possa fare seguendo questa procedura, ma non abbiamo avuto alcun riscontro da parte del dirigente – ha spiegato Antonelli -. Credo che ci saranno delle attività conseguenti da parte nostra e chiediamo che ci si impegni a discutere del futuro di queste aree perché l’eliminazione dell’ex Cofa è positiva ma non vorremmo che dietro si nascondessero delle manovre speculative che non rappresentino l’esclusivo interesse pubblico”. Tra l’altro Antonelli ha evidenziato che le spese di demolizione, con l’accordo di programma di due anni fa, sarebbero state “a costo zero per le casse pubbliche e avrebbe pagato la Camera di commercio, mentre ora pagano i cittadini e ci si chiede che fine faranno i 12 milioni e mezzo di euro che la Regione avrebbe dovuto incassare dalla alienazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *