Lanciano, la Polizia Municipale in stato di agitazione

Dalle sollecitazioni ai fatti. Gli agenti della Polizia Municipale di Lanciano sono in stato di agitazione. Rivendicano il riconoscimento dell’indennità di ordine pubblico in occasione di tutti quei tipi di manifestazioni (sportive e non) nelle sono impiegati in servizi operativi “in condizione di particolare disagio e rischio in occasione di attività partecipativa e collaborativa con le altre Forze di Polizia nazionali. Così, sabato, nelle ore che precederanno la manifestazione che vedrà proprio a Lanciano un’altissima affluenza di manifestanti provenienti dall’Abruzzo e da altre parti d’Italia per protestare contro ricerche e estrazioni di idrocarburi nel mar Adriatico, terranno un’assemblea (dalla ore 12 alle 15) per discutere sulla situazione.

“Va precisato che tale indennità non è legata al coefficiente di rischio, cioè non può essere concessa a seconda della pericolosità dell’evento, ma la stessa deve essere conferita ogni qual volta il  personale è impegnato in servizio di ordine pubblico – spiegano in un comunicato i rappresentanti sindacali -. Considerato che presupposto essenziale per la corresponsione della richiamata indennità è che nell’ordinanza del questore che dispone i servizi di ordine e sicurezza pubblica in occasione di manifestazioni venga espressamente richiesto l’intervento del personale della Polizia Municipale per il concorso in detti servizi, tale richiesta, che trova fondamento non solo in diverse Circolari del Ministero dell’Interno – Dipartimento di Pubblica Sicurezza, ma anche in pronunce giurisprudenziali, è però stata rigettata in occasione dell’incontro chiesto ed ottenuto con il Questore di Chieti ad inizio del mese in corso e ciò nonostante la citata Autorità abbia indicato nei vari ordini di servizio predisposti in occasione di incontri di calcio, gare ciclistiche, ecc., la necessità dell’impiego del personale di polizia locale, secondo le modalità delle circolari ministeriali. Pertanto, al fine di valutare le azioni da intraprendere, la RSU in seno al Comune di Lanciano, dietro richiesta degli appartenenti alla Polizia Municipale, in data 18 u.s. ha indetto un’assemblea dei lavoratori della Polizia Municipale per il giorno 23.05.2015 (sabato), dalle ore 12 alle ore 15. L’Amministrazione Comunale, anziché sostenere nelle opportune sedi le ragioni dei propri dipendenti e, soprattutto, della propria Polizia Municipale, ha ritenuto di schierarsi con l’opposta tesi e, pur di assicurare le operazioni di sgombero delle strade interessate alla manifestazione “No Ombrina” del 23 p.v., ha reputato di dover anticipare le operazioni di rimozione da parte della Polizia Municipale dei veicoli presenti sul percorso alle ore 10, anziché alle previste ore 12(ordinanza 18.05.2015, n. 118), creando così gravi ed ulteriori disagi a residenti, commercianti, lavoratori, esercenti pubblici esercizi, ecc., pur di evitare contrasti con altri organismi istituzionali, pur di evitare di far presente a chi di dovere che l’espletamento dei servizi di polizia stradale, tra cui rientra la predisposizione e l’esecuzione dei servizi diretti a regolare il traffico, non è di esclusiva competenza dei “Vigili Urbani”, ma spetta prima ed anche, ai sensi dell’art. 12 del Codice della strada, a Polizia Stradale, a Polizia di Stato, all’Arma dei Carabinieri, al corpo della G.d.F., ai Corpi ed ai Servizi di Polizia Provinciale. Questa mancanza di considerazione ferisce profondamente il Corpo della P.M. di Lanciano, ritenuto, al di fuori dei confini territoriali dell’ente di appartenenza, una delle migliori realtà a livello professionale esistenti in Abruzzo. I Rappresentanti Sindacali della Polizia Municipale del Comune di Lanciano invitano l’Amministrazione Comunale a rivedere la propria posizione ed a sostenere con forza le ragioni della propria P.M. nelle opportune sedi, così da permettere al Corpo di Polizia Municipale di Lanciano di dare il proprio e seppur minimo apporto alla lodevole manifestazione del 23 p.v.”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *