Oltre 30mila a Lanciano in difesa del mar Adriatico

IMG_1625

Ora la classe politica non può sottrarsi ai suoi compiti ma ascoltare la gente.

In 30mila e forse più oggi hanno manifestato a Lanciano per ribadire il proprio no ad ogni tipo di ricerca petrolifere e trivellazioni a terra e nel Mar Adriatico. Famiglie, semplici cittadini, studenti, hanno marciato insieme a sindaci, sindacalisti, rappresentanti del clero abruzzese, di associazioni ambientaliste e movimenti politici e non per rimarcare la loro volontà, le loro ragioni e le preoccupazioni. Che adesso vanno ascoltate e rispettate. Persino gli organizzatori del corteo e degli eventi promossi per la giornata di protesta sono rimasti sorpresi dalla partecipazione, che non era quantificabile alla vigilia e che è andata oltre le più ottimistiche aspettative. D’altro canto la battaglia va avanti da quasi dieci anni e chi l’ha sostenuta in tutto questo tempo ha contribuito a formare una ‘coscienza’ tra la gente, che si è sempre più allargata.

Dopo Pescara, nell’aprile del 2013, da Lanciano è arrivata un’altra grande richiesta: bloccare i progetti come Ombrina, Rospo mare, Elsa2. E stavolta, anziché impegni di facciata o d’opportunità, si attendono risposte e fatti concreti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *