Trasporti: eletto il cda della Tua

L’assemblea degli azionisti della Tua ha eletto oggi il nuovo consiglio di amministrazione della  nuova società regionale di trasporto pubblico. Alla carica di presidente è stato nominato Luciano D’Amico, presidente dell’Arpa, mentre gli altri componenti sono Rodolfo De Laurentiis, Gianni Di Vito e Evelina D’Avolio. Manca il quarto componente che sarà nominato dalla giunta regionale nei prossimi giorni. Il nuovo consiglio di amministrazione, nato dalla fusione di Arpa, Gtm e Sangritana, durerà in carica un anno.

D’Amico, rettore dell’Università di Teramo, ha riconfermato la volontà di rinunciare all’indennità di carica (60 mila euro l’anno) mentre gli altri componenti del cda avranno abbattuti i loro compensi del 10% rispetto agli importi percepiti dagli ex consiglieri di Arpa.

Sempre oggi, Fit Cisl, Uilt Uil e Faisa Cisal hanno ribadito come “con la presentazione dell’organigramma aziendale si registrano i vecchi vizi della politica nei trasporti”. Poi le tre sigle sindacali hanno ribadito come “i dirigenti vanno ridotti, non aumentati, con la stessa logica con la quale si chiede ai lavoratori il sacrificio sulle retribuzioni pena la chiusura dell’Azienda. Non possono esserci due pesi e due misure e soprattutto il Governo regionale non può condividere il pressapochismo di un quadro dirigente per lo più inadeguato, visto che non sono bastati tre mesi per terminare proficuamente quella che i ben parlanti definiscono job analysis. Comprendiamo in quale contesto operi il Presidente D’Amico e le relative difficoltà che deve superare in perfetta solitudine. Fit Cisl, Uilt Uil e Faisa Cisal ribadiscono la disponibilità a proseguire il confronto con immutata responsabilità ma non a queste condizioni. Con una simile situazione non si fanno accordi, si scende in piazza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *