Carcere di Castrogno: la polizia penitenziaria sventa due suicidi

Il carcere di Castrogno, a Teramo, ancora al centro della cronaca. Due suicidi sono sventati nel reparto femminile e in quello protetti della casa Circondariale. I due episodi sono avvenuti ieri. Il primo verso le 9 del mattino, l’altro alle 12. Sono stati gli agenti della polizia penitenziaria a salvare i due detenuti, una 46enne pescarese ed un 45enne napoletano. Nella stessa mattinata, inoltre, gli agenti hanno evitato l’aggressione ad un infermiere dell’Asl da parte di un detenuto con patologie psichiatriche, bloccandolo mentre cercava di colpirlo alle spalle. “Si continua a voler ignorare che il carcere di Castrogno non è più in grado di gestire una così vasta pluralità di circuiti detentivi, unica nel panorama italiano, dove sono raggruppati in un unico padiglione ben sei differenti circuiti detentivi (alta sicurezza, comuni, tossicodipendenti, sex offender, protetti e femminile) con divieto d’incontro tra loro – afferma Giuseppe Pallini del sindacato Sappe -. A ciò – prosegue – si è aggiunta da qualche tempo anche la gestione dei soggetti psichiatrici e di detenuti riottosi provenienti da altri istituti e a nulla sono valsi i ripetuti appelli, all’amministrazione penitenziaria regionale e nazionale di non inviare ulteriori detenuti e di trasferire quelli con gravi patologie psichiatriche e sanitarie. Le donne e gli uomini della polizia penitenziaria, ogni giorno, nonostante la carenza d’organico, il diniego del riposo settimanale e delle ferie, che ad oggi risultano ancora da fruire in dodicimila giornate, con grande sacrificio e alto senso di responsabilità – evidenzia infine il sindacalista – cercano di salvaguardare l’incolumità dei ristretti assicurando nel contempo l’ordine e la sicurezza interna ed esterna del carcere e tutti i compiti istituzionali affidati come il servizio delle traduzioni che quotidianamente assorbe mediamente trenta unità”.

Nella notte dello scorso 10 agosto, nello stesso carcere si era tolto la vita, impiccandosi con un lenzuolo assicurato all’inferriata della cella, Giovanni Grieco, il 41enne di Pescara recluso dallo scorso sei maggio perché ritenuto l’omicida di Giandomenico Orlando, il pasticciere di 67 anni, anch’egli di Pescara, ucciso a coltellate davanti al suo negozio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *