Edifici in zone sismiche : i geometri chiedono rinvio dell’entrata in vigore della nuova legge regionale

Il presidente e il segretario del Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Chieti, rispettivamente Rocco Santone e Riccardo Alleva, hanno scritto un accorato appello al presidente della Giunta Regionale, Luciano D’Alfonso, per chiedere il differimento dell’imminente entrata in vigore della Legge Regionale 28/2011. La normativa dovrebbe dettare nuove norme per la riduzione del rischio sismico e le modalità di vigilanza e controllo sulle costruzioni nelle zone sismiche.

«La decisione di scrivere al presidente della Giunta Regionale – ha spiegato il presidente Santone – è stata assunta dal Consiglio del nostro Collegio dopo aver esaminato il complesso iter attuativo e burocratico delle nuove disposizioni legislative. E’ ben noto, infatti, che i Servizi di Attività Tecniche e Territoriali (ex Uffici del Genio Civile) non sono ancora organizzati, né dispongono di personale qualificato e del relativo sistema informatico di acquisizione e gestione delle pratiche». Il Collegio dei Geometri di Chieti ha chiesto quindi formalmente alle autorità competenti il differimento dell’entrata in vigore della nuova normativa sismica al fine di evitare la completa paralisi dell’attività edilizia regionale, già peraltro in crisi da alcuni anni. La lettera è stata inviata anche all’assessore regionale alla protezione civile, Mario Mazzocca, e al consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci.

«Auspichiamo – ha concluso Santone – l’accoglimento della nostra richiesta che è rivolta esclusivamente alla tutela dell’interesse pubblico».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *