Incendi divorano boschi e aree verdi in Abruzzo

Fiamme e fuoco in Abruzzo. Particolarmente compite le province di Chieti e Pescara. L’ultimo rogo, di probabile origine dolosa sta distruggendo circa 70-80 ettari di vegetazione nel territorio del comune di Palombaro, in pieno Parco Nazionale della Majella. Le fiamme sono state avvistate ieri sera intorno alle 19 e per tutta la notte l’incendio si è propagato anche grazie al vento di scirocco fino a lambire l’abitato del paese, popolato da circa 1000 persone. In attività da ieri sera al Protezione Civile e Vigili del Fuoco. In azione due canadair che fanno la spola con il vicino lago artificiale di Bomba e diversi mezzi dei Vigili del Fuoco di Casoli e dei vicini distaccamenti.

Notte di incendi nel Pescarese. I vigili del fuoco del Comando provinciale di Pescara sono stati impegnati nelle operazioni di spegnimento di diversi roghi di sterpaglie divampati in varie località. Gli interventi hanno riguardato i comuni di Città Sant’Angelo, Brittoli, Caramanico e Corvara. A Città Sant’Angelo le fiamme, che hanno anche minacciato alcuni edifici e un deposito di un centro commerciale della zona, sono divampate nei pressi della strada provinciale Lungofino al confine con il comune di Elice.

Nottata relativamente tranquilla a Liscia, nel vastese, che per due giorni è stato al centro di un pericoloso rogo. Oggi gli ultimi focolai sono stati tenuti sotto controllo e dalle prime ore di questa mattina sono tornati i canadair per spegnerli definitivamente. Pesante il bilancio con danni.che sono incalcolabili. Le aree verdi e boschive intorno al paese sono andate completamente distrutte. Durissimo il lavoro delle squadre antincendio a causa del forte e caldo vento. Ben 100 sono stati i lanci effettuati dai canadair che per ore hanno sorvolato l’area da ieri fino a questa mattina.

E nelle ultime ore  un incendio di vaste proporzioni è divampato  in una zona di campagna al confine tra i territori comunali di Torre dé Passeri e Castiglione a Casauria. In fiamme alcune decine di ettari di sterpaglie e sottobosco. Sul posto sono impegnate numerose squadre dei Vigili del Fuoco. Al lavoro anche i volontari della Protezione Civile e un Canadair, che sta effettuando lanci nelle aree non raggiungibili via terra. Le fiamme hanno lambito alcune case che, per precauzione, sono state evacuate, ma fortunatamente il peggio è stato evitato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *