Lanciano, DEA di I livello: sarà Ospedale per acuzie del territorio

di Antonio Di Nunzio

Chiusura del punto nascite di Ortona, riconversione dell’Ospedale di Atessa e ruolo dell’Ospedale di Lanciano, sono stati al centro dell’incontro che l’Assessore Regionale alla Sanità Silvio Paolucci ha tenuto con il direttivo del PD di Lanciano, sabato pomeriggio nella sede in Largo Tappia.

Incontro al quale hanno partecipato in tanti, compresi personale medico del territorio ed ospedaliero oltre che rappresentanti del Tribunale del Malato e dell’ARED che hanno incontrato in apertura dei lavori Silvio Paolucci.

“L’Ospedale di Lanciano sarà classificato Dipartimento di Emergenza ed Accettazione di I livello con quindi il potenziamento delle eccellenze presenti ed un ruolo centrale nel comprensorio per le acuzie”  – afferma il Segretario del PD di Lanciano Leo Marongiu che prosegue- : “con l’Assessore Paolucci è iniziato un percorso virtuoso per dare risposte infrastrutturali ma soprattutto di contenuto per un Ospedale che deve curare e che vedrà un potenziamento deciso. Ci sono sacche di inefficienze, specie per le sedute operatorie per la mancanza degli anestesisti, a cui va data una risposta chiara e senza ipocrisie e distinguendo con precisione ed in modo definitivo la missione degli Ospedali di Lanciano, Ortona e Atessa”.

La nuova riorganizzazione Ospedaliera prevede la costituzione di due DEA di secondo livello per Teramo-L’Aquila e Pescara-Chieti e DEA di I livello per Lanciano, Vasto ed Avezzano che quindi saranno i presidi per acuti dei territori.

La riorganizzazione prevede anche la costituzione di una sola Asl unica regionale ed anche il percorso che prevede la costruzione dei nuovi Ospedali.

Inoltre, è notizia degli ultimi giorni, l’apertura di nuovi punti sul territorio per l’emergenza-urgenza.

“La regione Abruzzo sta dando risposte importanti per Lanciano in campo sportivo, infrastrutturale, della mobilità, in campo sanitario e delle nuove tecnologie come la banda larga e questo è stato solo il primo momento di riflessione – chiosa l’Assessore Silvio Paolucci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *