Processo rifiuti a Pescara: i pm chiedono condanna di Venturoni e Di Zio e Di Stefano

Corruzione, istigazione alla corruzione, abuso d’ufficio, peculato, turbativa d’asta, millantato credito. Sono queste la accuse dalle quali debbono difendersi gli imputati nel processo sui rifiuti in corso a Pescara davanti al Tribunale collegiale per la vicenda giudiziaria che ruota attorno alla realizzazione a Teramo di un impianto di bioessiccazione.

I pubblici ministeri Gennaro Varone e Anna Rita Mantini hanno avanzato proposte di condanne a 5 anni di reclusione per l’ex assessore regionale Lanfranco Venturoni e l’imprenditore Rodolfo Di Zio, 1 anno e 6 mesi per il deputato di Forza Italia, Fabrizio Di Stefano, l’assoluzione per non aver commesso il fatto per l’imprenditore Ferdinando Ettore Di Zio, l’assoluzione perché il fatto non costituisce reato per l’ex amministratore delegato della società Team Teramo Ambiente, Vittorio Cardarella, e una multa pari a 100mila euro per la società Deco del gruppo Di Zio.

Per l’accusa, tra l’imprenditore Rodoflo Di Zio e l’ex assessore regionale Venturoni esisteva un vero e proprio patto che sarebbe consistito con la concessione, senza gara, da parte di Venturoni alla società Deco di Di Zio di appalti da centinaia di milioni di euro. In particolare quello per la costruzione di un inceneritore e un altro per la realizzazione di un impianto di trattamento meccanico biologico.

Il pm Varone, supportato anche dalla proiezione di alcune slide, ha ripercorso tutta la vicenda evidenziando i finanziamento pari complessivamente a circa un milione di euro elargiti da Di Zio, nel periodo 2005-2009, ai partiti politici e, nello specifico, ad alcuni esponenti di Forza Italia e del centro destra.

“Nel momento in cui – ha sostenuto Varone in aula – risulta dimostrato che quelle somme sono servite a pagare un favore, il fatto che i finanziamento siano stati dichiarati non esclude il reato di corruzione”.

Varone ha elencato i finanziamenti che Di Zio ha versato a Fabrizio Di Stefano, all’ex presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, all’ex consigliere regionale Emilio Nasuti, al consigliere regionale Lorenzo Sospiri, al senatore Paolo Tancredi e all’ex senatore Filippo Piccone, il quale all’epoca si sarebbe attivato per ottenere la costruzione di un secondo inceneritore su un terreno di sua proprietà nella zona di Avezzano.

Il pm ha anche citato il mancato sfratto di Forza Italia da un immobile dei Di Zio in piazza Salotto a Pescara. Secondo l’accusa sia l’ex assessore che Di Stefano si sarebbero attivati per favorire la realizzazione dell’inceneritore a Teramo e l’impianto Tmb, anche esercitando pressioni per modificare alcune leggi regionali, aiutando Di Zio nel tentativo di ottenere uno specifico brevetto per la realizzazione dell’impianto Tmb e assecondando la richiesta di Di Zio di rimuovere Riccardo La Morgia dalla presidenza del consorzio dei rifiuti Lanciano. Questo perché La Morgia voleva rivedere le tariffe relative allo smaltimento dei rifiuti, che Di Zio continuava a parametrare sulle previsioni iniziali dei quantitativi, che intanto erano raddoppiati. “In questo modo- ha detto Varone – la comunità regionale ha subito danni per 12 milioni di euro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *