Una giornata dedicata al Paesaggio agro-pastorale della Majella

Il Comune di Lettomanoppello ed il Parco Nazionale della Majella, con la partecipazione della Fondazione Genti d’Abruzzo e dell’Archeoclub di Pescara, il prossimo 4 novembre, organizzano una giornata dedicata al Paesaggio agro-pastorale della Majella.

Durante la giornata sarà possibile visitare Pian delle Cappelle in Comune di Lettomanoppello, la località scelta dal Parco, d’intesa con i partner e con il prezioso contributo di Edoardo Micati, noto ricercatore abruzzese, per la realizzazione di un primo campo di volontariato per il recupero di capanne e muretti in pietra a secco, svoltosi lo scorso mese di settembre.

Parteciperanno anche le classi dell’Istituto Comprensivo di Lettomanoppello che nelle settimane precedenti hanno già avviato, in aula, un lavoro di ricerca e di approfondimento insieme agli esperti del Parco.

Il Comune di Lettomanoppello presenterà un proprio progetto di recupero funzionale e di valorizzazione turistica, che prevede, nella località Pian delle Cappelle, anche la realizzazione di percorsi per disabili e la messa a coltura, come avveniva fino al secolo scorso, di alcuni campi terrazzati.

Sarà anche l’occasione, per il Parco Nazionale della Majella, di presentare le iniziative, già realizzate ed altre in fase avanzata di realizzazione, per il recupero a fini didattici e turistici di complessi agro-pastorali, per la valorizzazione del Sentiero delle Capanne e per esporre le azioni di comunicazione che sono state progettate con la collaborazione scientifica di Edoardo Micati e della Fondazione Genti d’Abruzzo.

I soggetti coinvolti, con la preziosa presenza della Provincia di Pescara, promuoveranno la sottoscrizione di un Protocollo d’Intesa finalizzato alla valorizzazione e promozione delle emergenze storico-culturali ed antropologiche, presenti nel territorio del Parco, attraverso la condivisione degli obiettivi strategici e programmatici previsti nel progetto promosso dal Comune di Lettomanoppello.

Il Protocollo, nelle intenzioni dei firmatari, costituirà il primo passo operativo verso la costituzione di un eco-museo diffuso del Paesaggio agro-pastorale del Parco Nazionale della Majella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *