Lavoratori del Museo delle Genti d’Abruzzo ancora senza stipendio

Bocce ferme e preoccupazione che aumenta per i lavoratori del Museo delle Genti d’Abruzzo. Nonostante gli impegni assunti, sono senza stipendio relativo ai mesi di agosto, settembre ed ottobre 2015 nonché alla 14^ 2015. La denuncia arriva da Alessandra Di Simone, della Filcams Cgil che ricorda come “ad un mese dal Consiglio Comunale di Pescara del 2 ottobre scorso nulla nei fatti è cambiato. Durante quella seduta infatti, una delegazione di lavoratori e lavoratrici del Museo avevano chiesto un incontro con il Sindaco, i Consiglieri e gli Assessori di maggioranza e di opposizione e durante quell’incontro avevamo esposto nuovamente le problematiche legate alla gestione del Museo ed al suo futuro. Nell’incontro, abbiamo sottolineato come, l’inosservanza da parte del Comune di Pescara della Convenzione tra la Fondazione ed il Comune stesso abbia prodotto nei fatti, il mancato pagamento di quanto spettante ai dipendenti. In quell’occasione, il Sindaco di Pescara, riconoscendo la responsabilità di non avere pagato quanto spettante al Museo, circa 184.000,00 € per il 2014/2015, e ricordando a tutti la difficoltà di cassa in cui versa oggi l’Ente aveva però garantito la disponibilità a fare una verifica, entro ottobre u.s., sul bilancio per trovare le risorse utili al pagamento degli stipendi dei dipendenti fino a dicembre 2015. Siamo certi che, questa operazione sia possibile e sostenibile per il bilancio del Comune di Pescara. Purtroppo però, ad oggi, nonostante i nostri solleciti formali, nessuna notizia ci giunge dal Comune. La politica della nostra Città prende tempo e perde tempo senza preoccuparsi del fatto che 14 famiglie sono senza stipendio da mesi. Ci preme evidenziare come, il Comune di Pescara, proprio in questi giorni con il Festival delle Letterature dell’Adriatico, stia approfittando della convenzione con il Museo, utilizzando gratuitamente l’Auditorium Petruzzi pur continuando nell’inosservanza della stessa convenzione che in altri capitoli prevede un contributo economico al Museo stesso. Un contributo stabilito con un accordo, un patto tra le parti che sancisce la volontà politica di chi governa la città di Pescara di promuovere la cultura nella nostra Città e nel territorio Provinciale. Il Museo delle Genti d’Abruzzo sicuramente rappresenta per la città di Pescara e non solo per essa , un patrimonio culturale, collettivo ed identitario reso tale anche dall’impegno e dal lavoro quotidiano delle lavoratrici e dei lavoratori che in questa struttura operano e che hanno contribuito a renderla ciò che oggi è. Una struttura conosciuta da tutte le scuole di Pescara e della Provincia che produce e promuove cultura sul territorio ad ogni livello. Un patrimonio fondamentale per la Città di Pescara che riteniamo debba essere garantito.

Ci suona strano che proprio un Governo di Centro Sinistra che dichiara di voler “cambiare verso” metta a repentaglio la sopravvivenza del Museo stesso e che non si preoccupi di chi nel Museo lavora ed è da mesi senza lo stipendio dovuto. Siamo stati definiti dal Sindaco, durante la riunione del 2 ottobre u.s., educati e gentili, abbiamo fin ora formalizzato le nostre richieste rispettando le regole delle buone relazioni sindacali che però continuano ad essere disattese dalla controparte, il Comune, che preferisce non rispondere né assumersi le proprie responsabilità. Abbiamo bisogno di una risposta immediata e di un incontro urgente nel quale il Comune di Pescara deve dichiarare alle lavoratrici e ai lavoratori se verrà garantito loro lo stipendio o se si sta prefigurando la fine della loro attività lavorativa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *