Susanna Camusso il 15 dicembre a L’Aquila

Sarà Susanna Camusso, segretario generale della CGIL, a chiudere i lavori dell’evento finale del programma Fondo Sisma che si terrà il prossimo 15 dicembre all’Aquila, nell’Auditorium dal Parco, a partire dalle 9,30.

Così come per gli altri partecipanti al Comitato Abruzzo nazionale – composto da Confindustria, CGIL, CISL e UIL – la presenza di Camusso ha il senso del forte e costante controllo sul territorio e sulle modalità di impiego delle somme raccolte all’indomani del sisma proprio dalle organizzazioni datoriali e sindacali in sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto del 2009. Si ricorda che sono stati circa 15 i milioni di investimento, di cui più di 7 donati dai lavoratori di tutta Italia, e relative imprese di appartenenza, e quasi 8 cofinanziati dagli otto soggetti beneficiari.

Per il Comitato Abruzzo la giornata del 15 dicembre rappresenta l’occasione di trarre un bilancio sul Fondo Sisma, alla presenza dei vertici e dei beneficiari, facendo una ricognizione sui dati più evidenti, ma anche snocciolando tutti quelli intermedi passati costantemente al vaglio del servizio help-desk dedicato al monitoraggio, al controllo e alla congruenza delle spese del programma nel suo complesso.

Nel corso dell’incontro plenario, sarà proiettato anche il video documentario realizzato da Francesco Paolucci e Stefano Ianni che è il racconto dei tre anni del programma attraverso interviste dei protagonisti e immagini significative.

“La presenza di Susanna Camusso è una testimonianza indiscutibile di attenzione al territorio. Il programma Fondo Sisma è stato di tale intensità – ha spiegato il segretario provinciale CGIL e componente del Comitato locale di promozione del Fondo, Umberto Trasatti – da richiedere un costante monitoraggio. Il nostro obiettivo era non solo quello di spendere bene quanto con tanta generosità ci è stato donato, ma anche di incentivare e motivare a nuove sfide di crescita dopo l’evento traumatico subìto”.

Sul sito del Comitato Abruzzo (www.comitatoabruzzo.it), sono dettagliati i dati degli otto macroprogetti co-finanziati (“Verso il 2030. Sulle ali dell’Aquila” di OSA; “Laboratorio di sviluppo sperimentale per il restauro delle ceramiche artistiche, antiche e moderne” di ICIET; “Professionalità del futuro” di ITSEE; “Scuola di Alta Formazione ICT” di K-Unit; “New markets, new competences” di Territorio Sociale; “Sviluppo sistema di sorveglianza basato sulla tecnologia ADS-B” di Selex-ES; “Space Tech – Space Technologies for communication and radar systems” di Thales Alenia Space Italia; “ISHTER, Sistema di distribuzione Tempo – Frequenza” di Consorzio Antares) e dei QIP – Qick Impact Projects, realizzati grazie alle economie ottenute in  corso di monitoraggio.

“Il Fondo sisma è stata un’occasione reale per l’economia del nostro territorio – ha aggiunto il presidente del Comitato locale, Fabio Spinosa Pingue – in termini di occupazione, crescita e visibilità”.

Le nuove opportunità occupazionali hanno riguardato circa 300 persone tra dipendenti,  collaboratori e dirigenti delle 135 società, poli e reti d’impresa, istituti di formazione, liberi professionisti direttamente coinvolti nella gestione e implementazione delle attività progettuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *