Rapinatori arrestati mentre rapinano banca

T.M. e M.M., entrambi di 27 anni e C.L. di 26, già noti alle forze dell’ordine, tutti abruzzesi, sono stati arrestati dai carabinieri dopo aver messo a segno una rapina che avrebbe fruttato circa 58 mila euro. Nel corso dell’operazione è stata recuperata anche una pistola semiautomatica perfettamente efficiente e pronta all’uso.

I tre pochi minuti prima, armati con l’arma intorno poco dopo le 14 hanno  fatto irruzione nella agenzia della Cassa di Risparmio di Pescara di via Po’ in  Sambuceto di San Giovanni Teatino ed hanno minacciato gli impiegati dell’agenzia ed arraffano in pochi istanti i soldi. Nel frattempo, il sistema antirapina dell’Istituto, aveva lanciato l’allarme che è stato raccolto contemporaneamente dai Carabinieri di Chieti e dalla Questura di Pescara. Sul posto, quindi, si precipitavano i Carabinieri della Stazione Carabinieri di Sambuceto che supportati da una pattuglia del Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri  di Pescara e da una volante della Questura di Chieti, operavano in  sinergia tra loro, accerchiando le uscite dell’istituto bancario nel quale i tre rapinatori si trovavano, insieme agli impiegati. Sono stati sufficienti pochi istanti ed il perentorio ordine di arrendersi intimato dai militari intervenuti è stato prontamente eseguito dai malviventi, resisi conto di non avere alternative,  che si sono arresi e sono usciti,  abbandonando l’arma,  uno alla volta.

Il brillante risultato, oltre a confermare l’elevato livello di efficienza delle Forze di Polizia nel territorio Provinciale, ha evidenziato il prefetto raccordo di coordinamento tra l’Arma dei Carabinieri e la Polizia di Stato che, nelle fasi concitate di un intervento a così alto rischio per l’incolumità delle persone e degli stessi militari ed agenti operanti, hanno agito effettuando un’operazione che può definirsi “da manuale” salvaguardando l’incolumità personale di tutte le persone coinvolte, compresi gli stessi rapinatori, che dovranno ora rispondere al Giudice dei delitti di tentata rapina pluriaggravata, porto illegale di arma da fuoco ed altri che emergeranno nel prosieguo delle indagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *