Stabilimento della Valagro in Brasile: partono i lavori

di Antonio Di Nunzio

Valagro ha annunciato di aver dato inizio ai lavori per la costruzione dello stabilimento di Pirassununga, nello stato di San Paolo in Brasile. L’azienda di Val di Sangro, leader nella produzione e commercializzazione di biostimolanti e specialità nutrizionali, si appresta quindi a rinforzare la sua presenza in Sud America.

Il progetto, avviato nel 2014 con un investimento di 10 milioni di euro, prevede la realizzazione di un impianto dotato di due linee produttive per la lavorazione e il confezionamento di biostimolanti e fertilizzanti solidi idrosolubili. L’impianto sorgerà in un’area di circa 60.000 m² e assicurerà una produzione di circa 8.000 tonnellate di prodotto l’anno.

Il passaggio alla fase operativa del progetto – che terminerà a gennaio 2017, con l’apertura dello stabilimento – è stato possibile grazie all’ottenimento delle rigorose licenze ambientali nazionali e regionali, a testimonianza della conformità agli elevati standard locali di sostenibilità e sicurezza ambientale, in linea con i valori del Gruppo improntati al pieno rispetto della salute dell’uomo e dell’ambiente.

Grazie all’impianto produttivo di Pirassununga, Valagro sarà in grado di rispondere ancor più efficacemente alle esigenze del mercato brasiliano – dove è già attivo con una propria filiale dal 1998 – con particolare attenzione ad alcuni dei suoi principali clienti presenti in questa area, tra i quali Coopercitrus.

“La realizzazione dell’impianto produttivo di Pirassununga supporta enormemente la nostra logistica permettendoci di essere più vicini ai nostri clienti presenti in Brasile, e più ampiamente di rispondere efficacemente a diverse esigenze” spiega l’AD del Gruppo, Giuseppe Natale. “In secondo luogo questo ci garantisce la flessibilità permessa da un produzione realizzata a livello locale. Tutto questo in sintesi significa per Valagro dare piena attuazione a quel principio fondato sulla centralità del cliente che caratterizza tutte le attività e le strategie aziendali del Gruppo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *