Interventi sulla costa: 4,5 milioni di euro dalla Regione

“Sono partiti due interventi a difesa della costa per oltre 4 milioni e mezzo di euro”. Ad annunciarlo l’assessorato ai Lavori pubblici della Regione Abruzzo, guidato da Donato Di Matteo, che ha consegnato i lavori alla ditta Cogema srl di Chieti per la chiusura di tre varchi nel Comune di Ortona Località Foro, per un importo complessivo € 117.106,00. La durata dei lavori è di giorni dieci giorni. Il finanziamento è stato assegnato con fondi propri regionali con Delibera di Giunta Regionale n.904 del 10/11/2015. Le opere saranno realizzate sotto la direzione dei lavori del Servizio Opere Marittime che ha redatto anche il relativo progetto esecutivo.

Il secondo lotto dei lavori è stato consegnato invece nei giorni scorso alla Ditta Nicolaj srl di Pescara e riguarda la realizzazione di pennelli risagomatura di scogliere esistenti nella zona sud e centro del litorale di Silvi e di Città Sant’Angelo. L’importo complessivo € 4.400.000,00, grazie al finanziamento PAR-FAS 2007-2013 per la riduzione del rischio derivante da fenomeni erosivi della costa. La durata dei lavori è di 180 giorni, ma si fermeranno a giugno per la stagione estiva e riprenderanno a settembre. Le opere saranno realizzate sotto la direzione dei lavori del Servizio Opere Marittime che ha redatto anche i relativi progetti.

“Due interventi necessari contro un fenomeno che attanaglia la nostra costa – spiega l’assessore Di Matteo – . In diversi punti la spiaggia abruzzese è interessata dal fenomeno dell’erosione e sono previsti lavori per il ripascimento del tratto di Ortona, Silvi e Città Sant’Angelo. Soprattutto in queste ultime località verranno inseriti dei pennelli che eviteranno danni più ingenti e nel tempo riconsegneranno un tratto di spiaggia importante. Una cosa è certa – ha sottolineato l’assessore – bisognerà fare presto e bene cioè in tempo per la stagione balneare ed in modo da soddisfare le varie esigenze. I lavori daranno una risposta efficace soprattutto in una prima fase d’intervento ma occorre definire una strategia complessiva che porti ad una soluzione definitiva”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *