Operazone dei Carabinieri nel chietino: 2 arresti e 2 denunce

E’ stato identificato e tratto in arresto, dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vasto, uno dei due autori della rapina avvenuta lo scorso novembre 2015 nel centro scommesse “Evento Gioco” di Via delle Croci a Vasto. Gli uomini dell’Arma, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del locale Tribunale su richiesta del P.M. Enrica Medori, hanno stretto le manette ai polsi di Serena Bellotti, 30enne vastese, già nota alle forze dell’ordine per reati di droga. Come ricostruito dai militari la donna, poco dopo la mezzanotte del 23 novembre dello scorso anno, attese alla guida dell’auto che il complice, al momento non ancora identificato, sotto la minaccia di una pistola semiautomatica si facesse consegnare, da uno dei commessi, l’incasso della giornata pari a 17mila euro. Dopo aver esaminato attentamente tutte le immagini del sistema di videosorveglianza del punto scommesse e delle abitazioni private ed esercizi pubblici della zona, i militari sono riusciti, in maniera inequivocabile, a risalire al modello, marca e colore dell’autovettura che aveva prelevato il rapinatore, con il “bottino” in mano. Successivamente, dopo aver rilevato parte della targa dell’auto in esame, i carabinieri, attraverso un approfondito accertamento presso il PRA e la motorizzazione, sono riusciti a ricostruire la precisa corrispondenza dell’intera targa con il mezzo in uso proprio alla Serena Bellotti già tratta in arresto mesi prima per reati concernenti gli stupefacenti. Le investigazioni venivano corroborate anche da indagini tecniche che fornivano ulteriori elementi probatori sul conto dell’indagata. Nei giorni a seguire, i Carabinieri hanno acquisito anche le immagini di un esercizio pubblico di Vasto Marina dalle quali è emerso che la Bellotti, poche ore dopo la rapina, aveva utilizzato parte del provento del delitto per acquistare numerosi pacchetti di “gratta e vinci”. L’intero quadro probatorio a carico della Bellotti è stato quindi riassunto e comunicato al P.M. titolare delle indagini, Enrica Medori, che, considerando validi gli elementi acquisiti dai Carabinieri, ha avanzato una richiesta di misura cautelare al GIP del Tribunale di Vasto. Il relativo provvedimento restrittivo è stato eseguito dai Carabinieri ieri sera a Pescara. La donna è stata quindi associata presso la sezione femminile della Casa Circondariale di Chieti a dispone dell’Autorità Giudiziaria competente. L’indagata dovrà rispondere di rapina aggravata in concorso. Le indagini dei Carabinieri continuano ininterrottamente non escludendo imminenti sviluppi positivi.

Un commerciante vastese di 22 anni, F.C., noto alle forze dell’ordine, è stato tratto in arresto ieri sera dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vasto con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari dell’Arma lo hanno sorpreso con 5 panetti di hashish, del peso complessivo di 500 grammi, nascosti sotto il sedile della propria auto. L’arresto dell’uomo è scaturito nell’ambito dei controlli del territorio disposti per contrastare lo spaccio di droghe. F. C., che transitava a bordo della sua Volkswagen Lupo nel centro abitato di Vasto, alla vista dei Carabinieri ha temuto di incappare in un controllo e, nel tentativo di defilarsi dietro un camion parcheggiato nei pressi, ha invece insospettito i Carabinieri ai quali quella manovra repentina non era sfuggita. Nel corso della perquisizione all’interno del veicolo sono stati rinvenuti i 5 panetti di hashish che hanno fatto quindi scattare le manette ai polsi del 22enne, ora recluso presso la casa circondariale di Vasto.

I Carabinieri della Stazione di Francavilla al Mare hanno denunciato, per furto aggravato continuato e ricettazione, due uomini di 50 e 55 anni, entrambi di origine campana e noti alle forze dell’ordine, autori di una serie di furti all’interno esercizi commerciali e cantieri della zona da dove avevano trafugato materiale edile, attrezzatura da lavoro e generi alimentari. Nel corso delle indagini gli uomini dell’Arma hanno recuperato merce rubata per un valore di circa 8mila euro. Uno dei due uomini è stato inoltre denunciato in stato di libertà anche per il reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti  poiché, nei suoi confronti, sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza circa la cessione di cocaina ad un tossicodipendente del luogo segnalato, a sua volta, alla locale Prefettura.

I Carabinieri di Atessa, dopo lunghe indagini, sono riusciti a risalire agli autori del furto, avvenuto la notte tra il 19 e il 20 novembre 2012, nel Bar Gemelli e annessa tabaccheria, in via Saletti di Atessa. Si tratta di tre cittadini rumeni, due residenti a Città Sant’Angelo e uno a Montesilvano,  tutti censurati, che sono stati denunciati per furto pluriaggravato alla competente autorità giudiziaria. Domani, presso il Tribunale di Lanciano, si celebrerà il processo a carico dei tre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *