Maxi evasione scoperta dalla Finanza di Chieti

38 milioni di euro tra base imponibile e Iva non versata e due persone denunciate per aver omessi dichiarazione e pagamento delle imposte, nonché per distruzione della contabilità.

E’ quanto ha scoperto nell’ambito dell’operazione “Disappear” la Guardia di Finanza di Chieti che ha portato all’individuazione di una società di capitali operante in totale evasione nel settore del commercio di prodotti telefonici di alta gamma. In particolare, la società avrebbe provveduto ad acquistare da società italiane, costituite solo sulla carta al fine di evadere le imposte, attualmente in fallimento, un ingente quantitativo di prodotti elettronici, approfittando di un prezzo più basso a causa del mancato pagamento da parte delle società fornitrici delle imposte dovute. Successivamente la merce veniva rivenduta ad un prezzo inferiore a quello di mercato realizzando una situazione di concorrenza sleale nei confronti degli operatori onesti. Sarebbero state poi poste in essere una serie di operazioni cartolari finalizzate a trasferire sia l’intero capitale sociale nelle mani di un unico socio prestanome di nazionalità romena, che la sede legale a Napoli con l’obiettivo di far materialmente sparire il soggetto giuridico e la relativa documentazione.

Le indagini hanno consentito l’individuazione dei professionisti che hanno curato la contabilità della società e il rinvenimento di parte della stessa, permettendo alle fiamme gialle di delineare il quadro probatorio documentale afferente l’illecita attività svolta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *