Spaccio davanti alle scuole di Vasto: un arresto

I Carabinieri della Stazione di Vasto, a conclusione di una prima fase delle indagini relative al traffico delle sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto Ferdinando De Rosa, anni 30, per concorso con altro soggetto, di  spaccio di droga ed estorsione.

Nel gennaio scorso i Carabinieri hanno intrapreso un’attività investigativa nei pressi di istituti scolastici di Vasto per prevenire e reprimere reati circa il traffico degli stupefacenti fra studenti minorenni. Le investigazioni hanno fatto emergere un determinato giro di affari illeciti posto in essere proprio dal De Rosa il quale, in poco tempo, si era circondato da una compagine di ragazzi minorenni ai quali cedeva piccole partite di sostanza stupefacente perlopiù del tipo hashish. Purtroppo, i giovani consumatori non riuscivano sempre a saldare le partite di droga ricevute a volte anche a credito; così, dietro concrete minacce da parte del De Rosa questi si vedevano costretti a rubare. Sovente i furti venivano consumati nelle proprie abitazioni dove prelevavano gioielli o altri monili in oro di proprietà dei loro genitori e successivamente rivenduti ai “compro oro” della città.

L’odierno arresto ha indubbiamente dato un freno a questa incresciosa vicenda che, è giusto ricordare, non mette a riparo nessuna famiglia, proprio per questo gli uomini dell’Arma invitano a denunciare tutti coloro che sono a conoscenza di fatti analoghi, per aiutare i minori in difficoltà e che per varie ragioni non si rivolgono alle istituzioni.

Gli elementi acquisiti dai Carabinieri a carico del De Rosa venivano comunicati al P.M. titolare delle indagini, Giampiero Di Florio, il quale, considerandoli validi avanzava richiesta di misura cautelare al GIP del Tribunale di Vasto. Il relativo provvedimento restrittivo veniva eseguito dai Carabinieri all’alba di questa mattina ed il De Rosa veniva associato presso la Casa Circondariale di Vasto a dispone dell’Autorità Giudiziaria competente. L’indagato dovrà rispondere di spaccio di droga ed estorsione in concorso (artt. 110 e 629 c.p. e 73 DPR 309/90). Le indagini dei Carabinieri continuano ininterrottamente non escludendo imminenti sviluppi positivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *