Lanciano: assistenza a rischio per i malati di sclerosi multipla

Si prevedono tempi sempre più difficili per i malati di sclerosi multipla che vivono nella zona frentana. Esiste infatti il rischio concreto della sospensione dei servizi di assistenza prestati dal centro di riabilitazione privato “Villa Giulia” di Lanciano, come ad esempio la fisioterapia, trattamento molto importante per chi è affetto da questa grave patologia invalidante. Ma c’è anche un’altra incognita che preoccupa non poco chi è affetto da sclerosi multipla, e cioè la possibile cessazione del servizio di assistenza fornita dai gruppi operativi dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (Aism). La causa è da attribuire sempre al probabile taglio dei finanziamenti che potrebbe far cessare il necessario sostegno, offerto, con tanta professionalità, dall’Aism ai numerosi malati di sclerosi multipla. Annunci sconfortanti per chi è già costretto dalla sfortuna a condurre una vita di sofferenze e piena di ostacoli. «Notizie che ci sconvolgono profondamente – afferma una giovane signora di San Vito Chietino che, a causa della malattia, è costretta ad utilizzare la sedia a rotelle per i suoi spostamenti amorevolmente assistita dagli operatori dell’Aism. – Sarebbe un’assurdità se si dovesse verificare ciò che ci preoccupa. Eliminare servizi così importanti significherebbe togliere la possibilità a noi malati di condurre una vita normale, impedendo a chi ha questo grave tipo di problema di stare a contatto quotidiano con la gente. Per me che abito al primo piano sarebbe praticamente la fine».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *