Presunte tangenti in appalti nella Marsica: 25 indagati

Corruzione, associazione per delinquere e falso. Sono queste le ipotesi di reato sulle quali la Procura della Repubblica di Avezzano ha avviato un’inchiesta che ha portato, oggi, a una serie di perquisizioni e all’acquisizioni di documenti dalla Squadra mobile della Questura della città capoluogo. Le indagini riguardano numerosi comuni della Marsica e sono coinvolti 20 amministratori comunali compresi alcuni sindaci ed ex primi cittadini. Gli indagati, sono in tutto 25, comprsi anche alcuni tecnici. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni di un imprenditore il quale avrebbe riferito di aver pagato ad amministratori locali della Marsica e intermediari tangenti, così da vincere appalti in materia di illuminazione pubblica e altri settori pagando in contanti assegni e regalie varie camuffando il tutto con la stipula di contratti fittizi e l’emissione di fatture false.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *