Sorpreso a rubare, cerca di colpire i carabinieri con un forcone

E’ finito agli arresti domiciliari per rapina aggravata dall’uso delle armi un uomo di 44 anni di Bucchianico che, sorpreso a rubare in un garage, ha cercato di scappare, minacciando i carabinieri con un forcone ed una spranga di ferro.

L’episodio si è verificato a Villa Raspa di Spoltore. Ad accorgersi della presenza del 44enne sono stati alcuni residenti che, sentiti strani rumori provenienti dai garage, hanno avvertito i carabinieri. Giunti sul posto, i militari dell’Arma hanno subito individuato il ladro nascosto dietro una macchina. Vistosi scoperto, l’uomo si è parato davanti ai militari brandendo minacciosamente un forcone ed una spranga di ferro, intimando loro di lasciarlo allontanare. Dopo alcuni attimi di tensione i carabinieri sono riusciti a disarmare l’uomo e ad ammanettarlo. Il tempestivo intervento, eseguito con la preziosa partecipazione di alcuni cittadini e di un agente di polizia penitenziaria fuori servizio, ha impedito la consumazione del furto. Il malvivente, già gravato da precedenti per reati contro il patrimonio e stupefacenti, è stato poi sottoposto agli arresti domiciliari.

Tentò di rapinare il cellulare a due giovani di 14 e 16 anni all’interno della villa comunale di Chieti, minacciandoli con un paio di forbici. L’episodio risale allo scorso Giugno. Ieri, dopo mesi di indagini, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Chieti hanno denunciato in stato di libertà un 20enne di origine carioca, domiciliato a Chieti, che dovrà rispondere del reato di tentata rapina aggravata. L’attività investigativa era scaturita dalla denuncia dei genitori dei due minorenni, entrambi residenti in un piccolo centro abitato del teatino che, venuti a conoscenza del fatto, si erano subito recati dai militari dell’Arma. I Carabinieri sono ora al lavoro per identificare un complice del malvivente. La rapina non andò a buon fine perché i due minorenni, in un momento di distrazione dei malviventi, con grande abilità riuscirono a fuggire facendo perdere le proprie tracce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *