Rapina in banca, dopo 3 anni identificati gli autori

Dopo oltre tre anni d’indagini i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Chieti sono riusciti ad identificare gli autori di una rapina avvenuta il 21 dicembre 2012, alle 15:50 circa, nella filiale della Banca Popolare di Ancona, a San Giovanni Teatino. Quel pomeriggio due malviventi, uno dei quali armato di taglierino, entrambi parzialmente travisati con parrucche ed occhiali da sole, irruppero nella banca, dove al momento vi erano 7 persone tra impiegati e clienti, e, dopo aver rinchiuso i presenti in un ufficio, si impossessarono della somma contante di 60mila euro. Subito dopo fuggirono a piedi per le vie limitrofe facendo perdere le loro tracce. Da quel momento, l’attività investigativa svolta dagli uomini dell’Arma, anche con l’utilizzo di mezzi tecnico scientifici, ha permesso di acquisire, nel tempo, gravi indizi di colpevolezza nei confronti di due malviventi, M. A. di 52 anni e D.M.A. di 50 anni, entrambi di Palermo, nei confronti dei quali è scattata, quindi, una denuncia in stato di libertà con l’accusa di rapina in concorso.

Ladri in azione, nella notte, in una palestra di Fossacesia. Il titolare dell’esercizio commerciale ha sporto denuncia presso il locale Comando dell’Arma. Secondo quanto accertato i malviventi avrebbero rotto una vetrata ed asportato due monitor tv da 32 e 40 pollici del valore approssimativo di 400 euro. Indagini in corso da parte dei Carabinieri della Stazione di Fossacesia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *