Trasporti: vertici a Roma con l’Alitalia e Regioni-sindacati a Pescara

Vertice oggi negli uffici della compagnia aerea, a Fiumicino, tra Alitalia, Regione Abruzzo e Regione Umbria. All’incontro hanno partecipato l’amministratore delegato Cramer Ball, il direttore della strategia e pianificazione John Shepley e la vicepresidente Claudia Bugno, per Alitalia; per la Regione Abruzzo, il Presidente Luciano D’Alfonso; per la Saga, il Presidente Nicola Mattoscio e il direttore Luca Ciarlini; per la Regione Umbria, il Presidente Catiuscia Marini.

Nel corso della riunione si è stabilito di insediare un gruppo di lavoro che studi i numeri del dossier per verificare il collegamento aereo Pescara-Roma e Perugia-Roma e di ricercare con quale sostenibilità, con quale vettore e con quale partnership realizzarlo.

“Come Regioni Abruzzo e Umbria intendiamo scommettere sul collegamento con Roma come hub per il mondo – ha affermato il presidente Luciano D’Alfonso.

Per i trasporti un altro incontro, definito proficuo dai sindacati FIT CISL, UILT  e FAISA,  si è invece tenuto in Regione con il consigliere delegato al ramo, Camillo D’Alessandro. Al centro alcune questioni legate alla TUA. I segretari regionali Alessandro Di Naccio, della FIT CISL, Giuseppe Murinni, della UIL TRASPORTI, e Luciano Lizzi, della FAISA CISAL

hanno conseguito un significativo risultato che “va ben oltre le più rosee previsioni – hanno dichiarato in una nota -. Sono stati riassegnati al fondo trasporti circa 8-9 milioni di euro per l’esercizio 2015, riportando così il fondo allo stesso valore del bilancio 2014. Resta aperta la questione sulla legge sui servizi minimi che la Regione deve ancora emanare come l’attuazione di una nuova intermodale politica tariffaria e di bigliettazione sull’intero territorio regionale come la definizione di un nuovo e più efficace modello di offerta di servizi che cancelli sovrapposizioni e garantisca il diritto, costituzionalmente previsto, alla mobilità dei cittadini. Le Segreterie regionali di FIT CISL UIL TRASPORTI e FAISA CISAL pur soddisfatte per il risultato della concertazione in essere con la Regione Abruzzo  ribadiscono invece le difficoltà che si registrano all’interno di TUA per la soluzione di questioni che spettano all’azienda ma che, non registrandosene la definizione, hanno determinato la chiusura con esito negativo del “primo tentativo di conciliazione” che ora, per una ulteriore mediazione, vedrà il coinvolgimento  del Prefetto di Chieti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *