I Nas sequestrano pesce non tracciato in due locali della costa

I carabinieri del Nas di Pescara hanno provveduto ad elevare sanzioni, a denunciare i proprietari due ristoranti e a sequestrare 150 chilogrammi di pesce non tracciato e avviati alla distruzione. Nei due locali, uno nel capoluogo adriatico e l’altro a Francavilla al Mare i militari hanno accertato che i gestori detenevano prodotti ittici sottoposti a procedure di congelamento non a norma e in cattivo stato di conservazione. I carabinieri hanno poi sequestrato 150 chilogrammi di pesce, mentre i due titolari sono stati denunciati per detenzione, ai fini della somministrazione, di alimenti in cattivo stato di conservazione. A Francavilla al Mare, invece, i ristoratori vendevano come freschi prodotti ittici congelati alla origine, privi delle obbligatorie indicazioni relative proprio alla origine congelata. I titolari sono stati sanzionati per violazione al “pacchetto igiene” e per omessa indicazione dei prodotti in vendita e delle sostanze allergizzanti. E’ stata, inoltre, imposta la immediata comunicazione obbligatoria circa la vendita di pesce congelato e per i due ristoratori è scattata la denuncia per tentativo di frode in commercio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *