Sale sulla gru perché senza stipendio: i carabinieri lo convincono a scendere

Un operaio macedone di 36 anni, dimorante in provincia di Teramo, stamane, intorno alle 7, a Chieti si è introdotto all’interno di un cantiere edile in via Masci, di proprietà della ditta “Kairos s.r.l.”, con sede legale a Roseto degli Abruzzi, salendo in cima ad una gru e minacciando di lasciarsi cadere, qualora non avesse ricevuto una somma di denaro che sosteneva gli spettasse a seguito di prestazioni di lavoro effettuate presso delle ditte edili teramane, in liquidazione. Sul posto sono intervenuti i militari della Stazione carabinieri di Chieti principale, i vigili del fuoco, personale del 118 nonché il liquidatore delle ditte interessate alla vicenda. Grazie alla mediazione dei carabinieri e con l’accordo dello stesso liquidatore, si è riusciti a far desistere l’operaio da gesti autolesionistici, convincendolo a scendere dalla gru circa un’ora dopo. La vicenda si è conclusa senza danni a persone o cose e tutti i protagonisti della stessa si sono recati negli uffici della Stazione carabinieri di Chieti scalo dove ne sono stati chiariti i termini.

I carabinieri della Compagnia di Montesilvano hanno fermato giusto in tempo, alle 5.15 di stamani, un ladruncolo di appena 12 anni che stava per mettere a segno un furto al negozio di telefonia Mediatel, a Montesilvano. Il ragazzino, che ha entrambi i genitori detenuti, aveva già infranto la vetrina, con martello e altri arnesi, quando sono intervenuti i militari dell’Arma, coordinati dal capitano Vincenzo Falce. E’ stato affidato ai parenti e, a suo carico, è stata presentata una segnalazione all’autorità giudiziaria minorile.

Nel corso di un controllo straordinario eseguito nella notte i carabinieri hanno individuato un commerciante di 46 anni di Città Sant’Angelo, che deve scontare 5 anni e 6 mesi di reclusione per omesso versamento dell’Iva e bancarotta fraudolenta. Era in giro con gli amici e, quando gli è stato notificato il provvedimento definitivo per l’esecuzione della pena, è stato condotto in carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *