Regione Abruzzo, protocollo per la tutela dell’Orso bruno marsicano

E’ stata approvata questo pomeriggio, su proposta dell’assessore regionale ai Parchi e Riserve Donato Di Matteo la delibera per l’accordo tra le pubbliche amministrazioni per l’implementazione del Piano d’Azione per la tutela dell’Orso bruno marsicano (Patom) per il biennio 2016/2018.

Il documento è stato recepito così come predisposto dal Ministero dell’Ambiente e la Tutela del territorio e del Mare e dovrà essere stipulato dalle Regioni Abruzzo, Molise e Lazio, dai Parchi Nazionali d’Abruzzo e della Majella, dal Corpo Foestale dello Stato e dallo stesso Ministero. L’assessorato ai Lavori Pubblici dovrà stipulare accordi mirati con le pubbliche amministrazioni per implementare il Piano d’Azione per la tutela dell’Orso. L’accordo non prevede alcun impegno di spesa e si potrà in ogni caso trovare copertura finanziaria anche attraverso Piani e Programmi di utilizzo dei Fondi Comunitari.

<Già nella direttiva 92/43 Cee “Habitat” l’orso marsicano è considerato una specie di interesse comunitario – spiega l’assessore regionale Di Matteo – che richiede protezione rigorosa mediante l’istituzione di zone speciali e impone agli Stati membri di sorvegliare lo stato di conservazione della specie. Anche la convenzione di Berna richiese di tutelare attraverso piani di azione la tutela del pentigrado. Inoltre la popolazione dell’Orso bruno marsicano essendo stata caratterizzata da un lungo periodo di isolamento (400-600 anni), che ne ha deterimanto una significativa differenziazione dalle popolazioni di orso bruno dell’arco alpino e del resto d’europa, va considerata una unità evolutiva e conservazionistica a sé stante e a rischio di estinzione e meritevole, pertanto, di una particolare incisiva strategia di conservazione. Nella deliberata da me proposta viene specificata l’urgenza e l’importanza di dare risposte concrete alla tutela di una specie simbolo del Parco Nazionale d’Abruzzo e Lazio e Molise e per la biodoversità dell’Italia tuttora a rischio di estinzione. Il Patom è lo strumento di riferimento per perseguire la migliore tutela della specie Orso bruno marsicano in tutto il suo areale di distribuzione. E’ urgente completare alcuni urgenti obiettivi prefissati dal protocollo di insesa Patom, che alla scadenza risultano ancora disattesi o in fase di attuazione, come rilevato nella varie relazioni presentate attraverso uno studio periodico sullo stato di avanzamento del progetto e degli impegni assunti. Dopo gli impegni presi in questi due anni è necessario proseguire e rafforzare l’azione con le amministrazioni attraverso provvedimenti concreti con la sottoscrizione dei nuovo accordi per il prossimo biennio. L’obiettivo è quello di rafforzare anche l’azione investigativa e di repressione degli illeciti in danno alla specie stessa e azioni sempre tra le amministrazioni competenti di attività di controllo degli animali domestici e del bestiame di allevamento con particolare riferimento al bestiame pascolante allo stato brado>.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *