Assalto a portavalori sulla A14: colpo mancato per una mola difettosa

E’ proseguita per tutta la notte la caccia alla banda che ieri sera, poco dopo le ore 22, ha assalito un portavalori sulla corsia nord dell’A14, a Mosciano.  L’autostrada adriatica ancora una volta teatro di sparatorie e terrore, un’azione compiuta da un commando di almeno 10 malviventi. L’azione è scattata all’improvviso, pianificata nei dettagli. I banditi hanno dapprima bloccato il traffico su entrambe le corsie, piazzando sulla carreggiate delle strisce chiodate e auto di traverso, isolando di fatto il furgone della Mondialpol che poco prima aveva ritirato gli incassi Il portavalori aveva raccolto gli incassi dei centri commerciali di Città Sant’Angelo. Poi hanno esploso colpi d’arma da fuoco in aria e con mezzo pesante hanno speronato il mezzo, che si è rovesciato su un fianco. Una posizione voluta dalla banda, che una volta a terra, con una potente mola ha cercato di aprirsi un vano nell’abitacolo del furgone. E qui l’imprevisto. Il disco con il quale i banditi hanno cercato di aprire la lamiera si è rotto, rendendo vano il colpo. I malviventi hanno quindi preso la via della fuga a bordo di tre auto.

L’allarme è scattato immediatamente con mezzi della polstrada che hanno raggiunto il punto in cui è avvenuto l’assalto e hanno prestato soccorso ai vigilantes rimasti imprigionati all’interno del furgone. Nel ribaltamento del mezzo una delle guardie giurate è rimasto ferito. Nessuna traccia al momento della banda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *