Giulianova: litigio per una mancata precedenza, ucciso con una coltellata

Tutta colpa di un diverbio, scoppiato nel pomeriggio di oggi per una mancata precedenza. Sembrava finita lì, invece la tragedia. Tra Paolo Cialini, 47 anni, originario di Mosciano ma residente a Giulianova, e Dante Di Silvestre, 59 anni, di Bellante, la discussione in strada, in viale Orsini, è andata avanti. Quest’ultimo è tornato nella sua auto, un furgone Fiorino utilizzato per la sua attività di tecnico di caldaie, ha preso un coltello e una volta tornato davanti a Cialini, lo ha colpito al petto. Una ferita profonda, che lo ha raggiunto al cuore. Il tutto è avvenuto davanti alla figlia della vittima, di 7 anni, che è rimasta impietrita nell’auto del genitore, una Fiat Punto. Inutili i soccorsi: Cialini è morto appena giunto nel nosocomio giuliese. L’aggressore è stato arrestato dai carabinieri.

Il sindaco Francesco Mastromauro è intervenuto dopo il grave fatto  esprimendo il suo sconcerto per quanto avvenuto: “Sono sconvolto, mancano davvero le parole. La nostra – dichiara il sindaco – è una cittadina tranquilla, non abituata certo ad una violenza feroce, insensata come quella verificatasi oggi pomeriggio. Un banale diverbio trasformatosi in omicidio. Alla presenza oltretutto della piccola figlia dell’assassinato, Paolo Cialini, una brava persona da quel che so, peraltro da me ricevuto in Comune in un paio di occasioni. Esprimo la mia tristezza, il mio stupore agghiacciato per quanto successo. Alla moglie, alla figlia dell’assassinato, che purtroppo porterà per anni con sé l’orrore di quanto accaduto oggi, ed ai famigliari, tutto il mio cordoglio e quello dell’intera città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *