Pescara: aggressione e tentata violenza ad una donna

Picchiata allo scopo di abusare sessualmente di lei. Vittima del grave fatto di cronaca una donna di 42 anni di origine pugliese che intorno alla mezzanotte, in via della Bonifica, è stata affrontata da due persone, forse straniere, che l’hanno aggredita. A salvarla sarebbe stata una pattuglia dei carabinieri di servizio nella zona. La donna, dopo essere stata aiutata dagli uomini dell’Arma, è stata trasportata in ospedale per le cure mediche. Le sarebbero stati strappati gli indumenti di dosso, a scopo di violenza. Pare che sia stata legata o imbavagliata. A soccorrerla è stato il personale del 118. La donna è stata giudicata guaribile in 25 giorni. All’arrivo dei carabinieri la donna è stata trovata in stato di choc sul ciglio della strada. Ai militari ha riferito di essere stata aggredita alle spalle da due soggetti, verosimilmente stranieri, mentre passeggiava sulla via da sola, non lontano della propria abitazione. Gli aggressori l’hanno sorpresa colpendola ripetutamente con un bastone di legno e poi l’hanno scaraventata a terra. Hanno poi tentato di imbavagliarla e di legarla, ma accortisi della presenza di una gazzella dei carabinieri l’hanno colpita ancora violentemente al viso prima di scappare via e far perdere le loro tracce. Sono in corso indagini da parte dei carabinieri di Pescara per individuare gli autori della barbara aggressione e comprendere lo scenario nel quale si sono consumati i fatti: andrà quindi chiarito se la donna è stata vittima casuale o obiettivo mirato di una qualche ritorsione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *