Rapina in agenzia postale di Pescara: bottino 300mila euro

Ammonta a 300mila euro la rapina messa a segno stamattina all’agenzia 3 delle Poste della Pineta di via Luisa d’Annunzio, a Pescara.  Secondo le testimonianze raccolte e una prima ricostruzione degli agenti della Squadra Volante e Mobile della Questura, all’interno dell’ufficio sono piombate due persone a volto coperto, di cui una armata di pistola. I malviventi, nonostante la presenza di telecamere di sorveglianza poste all’esterno,  sono penetrati da una feritoia esterna, poi si sono aperti un varco attraverso il pavimento e sono sbucati fuori, sorprendendo gli impiegati. Un colpo preparato con cura.  Una volta nei locali, con decisione e sotto la minaccia dell’arma, si sono fatti consegnare dai dipendenti i soldi, in particolare quelli custoditi nella cassaforte a tempo, e di un’altra a muro, sistemata a poca distanza.  Un’azione di pochi minuti portata avanti da chi sapeva come agire nel giorno in cui in ufficio erano custodi i soldi per il pagamento delle pensioni. Bottino in mano si sono poi allontanati velocemente. Non si sa ancora se per la loro fuga hanno usato una mota o un’auto sulla quale c’era ad attenderli un complice. L’allarma è stato lanciato subito e sono stati istituiti posti di blocco in città.  Una impiegata è stata colta da un leggero malore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *