La Giunta approva il piano d’emergenza regionale

Via libera dalla Giunta regionale alle “Linee guida per la predisposizione del Piano regionale di emergenza”: lo strumento che consente alle autorità di predisporre e coordinare gli interventi di soccorso a tutela della popolazione, costituito dall’insieme delle procedure operative di intervento idonee a fronteggiare una qualsiasi calamità in un determinato territorio.

Il provvedimento è stato illustrato dal sottosegretario con delega alla protezione civile, Mario Mazzocca, il quale si è soffermato sulla funzione della pianificazione in protezione civile, che rappresenta “lo strumento attraverso cui viene tracciata una mappa dei potenziali rischi, prevedibili o meno, che interessano uno specifico territorio, prevedendo una organizzazione delle risorse umane e materiali ritenute necessarie per fronteggiarli tempestivamente”.

All’interno degli scenari di rischio a cui è soggetta, la regione Abruzzo è interessata da una gamma estesa di rischi, che vanno da quello  idrogeologico e idraulico, al  sismico, incendi, industriale, valanghe. Altra tipologia di rischio che il Piano prevede specificamente di affrontare è quella relativa all’incendio boschivo di interfaccia, ossia le aree boscate a ridosso di centri abitati e viabilità. Il territorio regionale, infatti, è costituito per il 30 per cento da aree naturali protette (tre Parchi Nazionali, uno Regionale e diverse riserve), la cui tutela e conservazione rientra tra i principali obiettivi. Un’apposita sezione del Piano è riservata al rischio sismico; in questo caso il Piano prevede l’individuazione delle strutture, delle infrastrutture per l’accessibilità e dei servizi essenziali, che si configurano come elementi strategici in caso di emergenza, tenendo conto, anche, delle strutture strategiche già individuate nei piani comunali di emergenza e delle “vie di fuga” in fase di attivazione per tutto il territorio regionale. Per quanto attiene la pericolosità sismica, sulla base dei criteri nazionali e di recenti studi scientifici, il Piano Prevede che si procederà alla redazione di una mappa di pericolosità sismica a livello regionale propedeutica alla modifica della Classificazione sismica del territorio regionale.

Nel Piano si legge che il territorio regionale è interessato anche dal rischio industriale, essendo presenti diverse attività industriali definite a rischio di incidente rilevante. Nella stessa categoria è riportato anche il rischio di incidente rilevante stradale e ferroviario. All’interno dei rischi su indicati, dovrà essere riportata anche l’indicazione di possibili effetti indotti, quali Tsunami, frane sismoindotte, rottura di dighe, possibili incidenti derivanti da industrie a rischio di incidente rilevante.

Il provvedimento adottato sarà inviato a tutte le Prefetture – Ufficio Territoriale del Governo (UTG) e al Dipartimento Nazionale di Protezione Civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *