In box auto di Montesilvano la polizia scopre ciclomotori rubati e già smontati

Un ciclomotore Scarabeo di colore bianco; un telaio appartrenente ad un altro ciclomotore marca Aprilia Scarabeo; due motori appartenenti a moticicli YAMAHA modello  Tmax; un carter di motociclo Yamaha mod. T max; un carter in alluminio di Mtociclo Yamaha T max; un blocco di trasmissione per motociclo Yamaha T max; un telaio in alluminio di un sottosella per Yamaha T max; 2 ruote con cerchio complete di trasmissione, 5 ruote con disco comprese di cerchio una gomma priva di cerchio per Yamaha T max; 3 selle ed un sottosella per motociclo; 4 caschi per motociclo; 2 bauletti per Yamaha T max; 32 pezzi di carenatura per Yamaha T max; 7 manubri per motociclo; 2 pezzi di carenatura di ciclomotore Aprilia Scarabeo di colore rosa; 3 forcelle per Yamaha T max, comprensive di ruota anteriore e 2 forcelle per Yamaha T max  prive di ruota; 7 specchietti retrovisori per Yamaha T max, più un cavalletto e una pedaliera e cablaggio elettrico, tre sollevatori per sella e varia minuteria, viti e dadi per motociclo; una centralina per autovettura Mercedes, completa di nottolino per accensione e chiave; 11 blocchetti di accensione di motociclo; 2 indicatori di direzione, tre copripedali in alluminio e tre blocchi frenanti per motocicli, un cavalletto per motociclo tre carter in plastica per motociclo; 2 gruppi iniezione per tmax, un radiatore ed un ammortizzatore per moto; 2 pinze freni complete di leveraggio e pompa, una centralina ABS completa di doppio leveraggio, tre poggiapiedi, 4 cavalletti, 3 carterine in plastica, un serbatoio di liquido refrigerante, 2 regolatori di tensione tutti per motociclo; 1 radiatore completo di vaschetta per moto, 2 pompe per la benzina, 1 gruppo sgancio sella e un variatore di velocità per motociclo; componentistica varia per  motociclo; 2 cablaggi elettrici per moto, un blocchetto di accensione completo di sgancio sella, una pinza freni di moto, un carburatore di ciclomotore e tre scritte Scarabeo; 3 carter in plastica per moto, un pezzo di telaio per moto, un blocco comandi luci per motociclo; 2 cavalletti, un filtro aria, 4 maniglie posteriori, 5 carterini, 1 pedana, 1 supporto in alluminio per bauletto, 1 bobina di accensione e cablaggio, un serbatoio liquido refrigerante e 2 telai per motocicli; 2 filtri aria con manicotti, un regolatore di tensione, una batteria, un copriserbatoio, un gruppo sgancio sella, 2 carterini tutti per motociclo; una felpa azzurra, un paio di guanti, uno scaldacollo in pile, una borsetta rossa.

Questo è quanto trovato oggi dagli agenti della III sezione della Squadra Mobile della Questura di Pescara all’interno di un box auto, a Montesilvano, in via Giuseppe Di Vittorio. L’operazione è stata portata a onclusione a seguito di articolata attività investigativa che ha avuto come obiettivo l’individuazione degli autori di molteplici furti di motociclette e ciclomotori avvenuti in Pescara e Montesilvano. La refertiva rinvenuta è stata sequestrata. Il possessore del box auto, pescarese di anni 45, è stato deferito all’Autorità giudiziaria e dovrà rispondere del reato di ricettazione ai sensi dell’art. 648 c.p. L’attività della Squadra Mobile proseguirà al fine dell’individuazione di ulteriori responsabili dell’attività delittuosa e per il rintraccio dei proprietari dei ciclomotori e componenti vari sequestrati.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *