Fossacesia, cittadini informati dal Comune con Whatsapp e Telegram

Ricevere in maniera tempestiva e diretta sul proprio cellulare informazioni di pubblica utilità, scadenze comunali, modifiche alla viabilità, notizie su eventi e news e soprattutto comunicazioni di emergenza. Fossacesia punta sulle nuove tecnologie, soprattutto i sistemi che consentono di avvicinare i cittadini alle istituzioni e da oggi offre nuovi servizi attraverso Whatsapp e Telegram. Sarà molto semplice attivarli: è sufficiente possedere uno smartphone con l’applicazione WhatsApp installata ed aggiungere alla lista dei contatti del proprio telefono il numero 371/1677770 inviando un messaggio WhatsApp con testo “attiva”. La doppia spunta confermerà la ricezione della  richiesta e da quel momento il servizio sarà attivo.

Il sistema invierà i messaggi e quindi i contatti non saranno condivisi con nessuno ed, ovviamente, il Comune di Fossacesia potrà utilizzarli solo per questa finalità. Il numero di 371/1677770 è valido solo per il servizio descritto. Non può ricevere messaggi o telefonate. Per qualsiasi altra comunicazione i cittadini potranno utilizzare i canali tradizionali del Comune.

“Fossacesia vuole essere sempre più innovativo in termini di canali di comunicazione, cercando di raggiungere più cittadini possibili per fornire loro informazioni e aggiornamenti sulla loro città – esordiscono  così il Sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio e il delegato alla Città Digitale Lorenzo Santomero, nella presentazione dei nuovi servizi.

Insieme a Whatsapp il Comune di Fossacesia attiverà anche il servizio di messaggistica istantanea Telegram, che consentirà ugualmente a tutti gli iscritti di ricevere notizie ed informazioni. Anche in questo caso la procedura di iscrizione sarà molto semplice: sarà sufficiente cercare su Telegram @fossacesia oppure visitare il linktg.fossacesia.org ed una volta aperto il canale cliccare “unisciti al canale”.

“Invitiamo chiunque, ed in particolare i cittadini di Fossacesia, ad iscriversi ai nuovi servizi WhatsApp e Telegram – concludono Di Giuseppantonio e Santomero  – così da poter restare sempre aggiornati sulla vita cittadina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *