Lanciano, due arresti nella notte operati dai carabinieri

Notte movimentata per i Carabinieri del Comando Provinciale di Chieti. Una pattuglia del Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Lanciano, verso le ore 3 di oggi,  ha tratto in arresto S.T., italiano 52enne di Lanciano, responsabile dei reati di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. L’uomo, poco prima, alla vista dei militari intervenuti per una lite in famiglia, si scagliava contro di loro. La breve colluttazione si risolveva con l’immobilizzazione dell’uomo, anche se  i carabinieri riportavano lievi lesioni personali conseguenti all’aggressione. Nella mattinata odierna il GIP presso il Tribunale dio Lanciano ha convalidato l’arresto dell’uomo che e stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa del giudizio.

Nella stessa nottata, verso le ore 4, i Carabinieri del NORM della Compagnia di Lanciano hanno tratto in arresto  C. G. M-, rumeno di 28 anni, residente a Lanciano, sottoposto agli arresti domiciliari, il quale, inottemperante alle prescrizioni impostegli dall’autorità giudiziaria, veniva sorpreso dai militari dell’Arma fuori dall’abitazione nella quale è sottoposto alla misura detentiva. In attesa del rito direttissimo previsto per domani, l’uomo  è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari

Da Lanciano a Ortona. Avevano pensato bene di realizzare una sorta di self service di energia elettrica, allacciandosi, mediante un cavo steso ad hoc,  direttamente alla rete primaria di distribuzione ENEL e servendosi, così dell’energia necessaria. Sono stati, quindi, scoperti dai Carabinieri del NORM della Compagnia di Ortona due magrebini di 36 e 29 anni domiciliati in Ortona nell’appartamento che veniva servito di elettricità con l’astuto stratagemma. Sono stati quindi denunciati alla compatente autorità giudiziaria in stato di libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *