Famiglia perseguita donna: in 4 finiscono nei guai

Atti persecutori, danneggiamento e lesioni personali, tutti commessi in concorso. Nel pomeriggio di ieri la Polizia di Stato de L’Aquila ha dato esecuzione all’ordinanza di misura restrittiva emessa dal gip del Tribunale del capoluogo di regione, a carico di 4 persone, di cui tre componenti lo stesso nucleo familiare. Le misure sono giunte a conclusione di una laboriosa indagine condotta dal personale della Squadra Mobile a seguito di innumerevoli denunce presentate dalla vittima, una donna a cui, in passato, il capo famiglia aveva rivolto delle molestie sessuali.

In particolare il gip ha disposto la misura degli arresti domiciliari per l’uomo, ritenuto responsabile di atti persecutori e danneggiamento in concorso; il divieto di avvicinamento alla vittima ed ai prossimi congiunti per la moglie e la figlia, e l’ obbligo di dimora per un amico del capo famiglia Le prime azioni vessatorie iniziano già nel periodo successivo al terremoto dell’aprile 2009, quando un sessantenne aquilano indirizza nei confronti della donna attenzioni a sfondo sessuale, tanto che nell’aprile del 2013 lo stesso viene sottoposto ai domiciliari per atti persecutori e violenza sessuale e non desiste dal suo atteggiamento neanche quando gli vengono sostituiti gli arresti domiciliari con il divieto di avvicinamento alla vittima.

Da allora, sia l’uomo che la moglie e la figlia, aquilane di cinquanta e venti anni, mettono in atto atteggiamenti illeciti nei confronti della vittima e della sua famiglia, che vanno dagli atti persecutori al danneggiamento con liquido altamente corrosivo delle autovetture, dal danneggiamento della loro abitazione a veri e propri pedinamenti, appostamenti ed in alcuni casi aggressioni fisiche.

La famiglia della vittima subisce, inoltre, l’incendio della casetta di legno dove si trovavano depositati tutti i mobili della loro casa distrutta dal sisma. Dalle indagini condotte da personale della Squadra Mobile, supportate dall’escussione di vari testimoni, intercettazioni telefoniche ed ambientali, comparazione e riscontri dei dati acquisiti, è emerso che l’uomo, nel compimento delle sue azioni criminose, ha più volte chiesto ed ottenuto l’aiuto di un suo amico, un aquilano quarantacinquenne. Le risultanze di tutti gli accertamenti hanno così permesso al pm titolare delle indagini, di chiedere al gip l’emissione di adeguate misure cautelari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *