Usura, arrestato a San Salvo. Stalker fermato a Mozzagrogna

I Carabinieri della Stazione di San Salvo hanno tratto in arresto, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di l’Aquila, C.D.R., 56enne sansalvese, che dovrà espiare la pena di 3 anni e 10 mesi di reclusione per il reato  di usura commesso a Lanciano nel 2006. L’uomo è stato associato alla casa circondariale di Vasto.

I Carabinieri della Stazione di Fossacesia, ieri sera, hanno tratto in arresto un 50enne di Mozzagrogna responsabile dei reati di atti persecutori, resistenza a Pubblico Ufficiale, tentate lesioni personali aggravate e furto aggravato. Gli uomini dell’Arma, intervenuti nei pressi della sua abitazione a seguito della richiesta di una donna di 51 anni nei confronti della quale l’arrestato, da tempo, poneva in essere una serie di atti persecutori, sono stati aggrediti dallo stalker che, dapprima ha tentato di colpirli lanciando dei piatti da cucina che hanno danneggiato l’auto di servizio e, successivamente, non ha esitato ad esplodere contro di loro due colpi di carabina ad aria compressa, fortunatamente mancandoli. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso inoltre di accertare che il 50enne aveva collegato, abusivamente, l’impianto elettrico della sua abitazione alla pubblica illuminazione. Tratto il arresto l’uomo, su disposizione dell’A.G., ha trascorso la notte in una camera di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Ortona in attesa di essere processato con rito direttissimo.

Stamattina l’uomo è stato condotto dinanzi al G.I.P. del Tribunale di Lanciano che, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto nei suoi confronti la custodia cautelare in carcere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *