Costa dei Trabocchi, le vecchie stazioni FS utilizzate per l’accoglienza turistica

Con un apposito accordo di programma, concluso tra i Comuni di Fossacesia, San Vito Chietino, Torino di Sangro e Vasto, le quattro vecchie stazioni ferroviarie, situate lungo la Costa dei Trabocchi, saranno ben presto ristrutturate e utilizzate per l’accoglienza turistica.

Il progetto di fattibilità, denominato SAT, acronimo di “Stazioni per l’Accoglienza Turistica”, sarà attuato con un finanziamento dell’importo complessivo di 6 milioni e 700mila euro. Lo scopo dell’intervento è quello di riqualificare i suggestivi luoghi che, per molti anni, sono stati posti di arrivo e partenza dei treni delle Ferrovie dello Stato. «Sarà un intervento che andrà a completare la futura Via Verde della Costa dei Trabocchi – hanno spiegato gli amministratori dei quattro Comuni costieri – che sarà dotata di servizi per i fruitori della nuova struttura turistica». A conclusione dei lavori le vecchie stazioni ferroviarie recuperate serviranno per l’accoglienza turistica e saranno dotate di bar, ristoranti, spazi culturali e di relax, centri di documentazione, sale espositive, biblioteche e officine per biciclette. La superficie totale dei quattro fabbricati è di circa 2mila e 900 metri quadrati. Attualmente le stazioni sono di proprietà delle Ferrovie dello Stato, ma i Comuni le possono gestire grazie ad un comodato d’uso gratuito con possibilità di riscatto. Oggi gli edifici sono in uno stato di abbandono e di degrado anche strutturale, per cui al momento sono inutilizzati. Gli interventi avranno un iter senza dubbio complesso, ma il risultato finale garantirà benessere e ritorno economico per l’intera area frentana.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *