Treglio, ladri messi in fuga dai Carabinieri. Recuperata refurtiva per 40mila euro

Quarantamila euro di refurtiva recupera in un’auto rubata. E’ il bilancio di un intervento dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Ortona, che questa notte, nel corso dei quotidiani servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati predatori, quali furti e rapine, che sempre più intaccano la percezione di sicurezza dei cittadini, è giunta nei pressi del comune di Treglio, hanno intercettato un’Audi con a bordo alcuni individui, che era stata segnalata, poco prima, aggirarsi con fare sospetto nel centro abitato.

I malviventi, alla vista degli uomini dell’Arma tentavano la fuga ma, dopo un breve inseguimento, vistisi ormai braccati, hanno abbandonato la vettura con targa straniera, risultata poi rubata in provincia di L’Aquila all’inizio del mese di novembre, e sono fuggiti a piedi nelle campagne circostanti, riuscendo a far perdere le tracce. All’interno del veicolo i militari dell’Arma hanno recuperato della refurtiva del valore complessivo di circa 40mila euro costituita da abbigliamento, generi alimentari vari, una carabina Flobert ed una pistola modello scacciacani, verosimilmente tutti trafugati da abitazioni della zona. Sono in corso indagini per individuare l’esatta provenienza della merce recuperata ed elementi utili all’individuazione dei malviventi.

I Carabinieri della Stazione di Castel Frentano hanno denunciato in stato di libertà T. G., 51enne della provincia di Vicenza, ritenuto responsabile del reato di truffa. L’uomo, dopo aver inserito l’annuncio della vendita di una moto Honda 125 su un sito internet dedicato, si è reso irreperibile subito dopo aver ricevuto in pagamento, come acconto, la somma contante di euro 400 da un 26enne di Castel Frentano interessato all’acquisto. La vittima, resasi conto di essere stata truffata, si è quindi rivolta agli uomini dell’Arma per denunciare l’accaduto, dando il via alle indagini che hanno poi portato all’identificazione del malvivente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *