Tua-Sangritana entra nella rete del trasporto merci in Europa

Un contratto strategico e lo è per molti aspetti. Innanzitutto rafforza la Sangritana, del gruppo TUA, come punto di riferimento per il trasporto merci in Italia e in Europa; mette l’Abruzzo nella condizione di sfruttare a pieno la sua invidiabile posizione geografica e diventare un punto di riferimento negli scambi tra il Sud e il Nord del nostro Paese, ma anche con l’Est e l’Europa settentrionale; favorisce il ferro ai viaggi delle merci su gomma, liberando le arterie autostradali e contribuendo a una notevole riduzione delle emissioni di CO2 nell’atmosfera; creerà le condizioni per ridurre i costi di trasporto dei prodotti per le piccole, medie e grandi aziende e favorirà l’occupazione.

E’ in sintesi quanto si prevede nell’accordo firmato stamane, nella sede della divisione ferroviaria di TUA Spa a Lanciano, tra la società regionale e l’Intermodalità Fas Rattenni, l’azienda di Manoppello che si occupa della movimentazione delle merci voluminose. Il contratto prevede il trasporto degli inerti trattati dall’IFR tramite tre coppie di treni a settimana sulla direttrice Abruzzo-Piemonte, cioé fino all’interporto di Novara. Ogni anno Tua/Sangritana metterà a disposizione dell’azienda abruzzese 144 treni implementando, di fatto, l’intermodalità ferro-gomma sull’intero territorio nazionale. I primi convogli sono già partiti nei giorni scorsi.

“La nostra regione, grazie al partenariato tra Tua/Sangritana ed IFR, sarà di fatto il fulcro di un’interconnessione tra il centro Sud Italia ed i mercati del Nord Europa. Attribuiamo una particolare importanza all’accordo anche perché rappresenta un passo in avanti verso il rispetto della vigente normativa europea che prevede, entro il 2030, il trasferimento del trasporto merci, in percentuali significative, dalla gomma al ferro – ha spiegato il presidente di TUA, Luciano D’Amico, presente alla ratifica insieme al consigliere regionale delegato ai Trasporti Camillo D’Alessandro, il consigliere CDA TUA con delega alla ferrovia Giovanni Di Vito ed i rappresentanti di IFR, Nicola D’Arcangelo e Sergio Rattenni.

Un accordo, si diceva, che rafforza e allarga il servizio commerciale che Tua/Sangritana già offre per i Ducato prodotti dalla Sevel. Rinsalderà tra l’altro anche la partnership strategica con l’impresa ferroviaria Captrain Italia, in una sorta di staffetta merci del tutto analoga a quella di trasporto dei furgoni prodotti in Val di Sangro. Il contratto con IFR, che scadrà il 31 dicembre 2019, avrà al momento una frequenza di 3 coppie di treni a settimana tra i due interporti, per un totale di 144 treni l’anno. Su carri container potranno essere trasportati inerti, generi alimentari e merci pericolose (la Sangritana è in possesso di Certificato di Sicurezza parte A e B). Un contratto che fa compiere un passo in avanti di non poco conto all’Abruzzo e che farà pigiare sull’acceleratore per portare a conclusione gli interventi migliorativi sulle altre infrastrutture regionali (porti di Ortona e Vasto, collegamento con lo scalo di Civitavecchia, miglioramento della rete stradale e ferroviaria).

Insomma, molti i vantaggi per l’economia abruzzese.

“Il vettore ferroviario regionale – ha dichiarato il consigliere regionale delegato ai Trasporti, D’Alessandro – garantirà un servizio economico fondamentale per la nostra regione, interpretando le esigenze di un’importante realtà imprenditoriale come IFR. Con l’accordo siglato oggi, Tua/Sangritana si candida a diventare partner di tutte imprese abruzzesi e sarà in grado di movimentare le loro merci ovunque nel mondo. Stiamo preparando un menù Abruzzo – ha concluso D’Alessandro – che sarà a disposizione di ogni imprenditore affinché, attraverso le reti infrastrutturali implementate in regione, si possa dare un impulso sempre maggiore all’economia di questa terra”.

“L’accordo con IFR – ha dichiarato il Consigliere di Tua con delega alla ferrovia Giovanni Di Vito – favorirà un salto di qualità dell’azienda nel settore del trasporto merci. Il vettore abruzzese, infatti, – ha spiegato Di Vito – che fino a ieri serviva la sola Sevel, da oggi potrà offrire il servizio di trasporto su ferro a tutta l’imprenditorialità abruzzese, con notevoli opportunità di sviluppo in questo settore nel medio termine”.

Soddisfazione è stata espressa anche dai partner commerciali di Tua/Sangritana Nicola D’Arcangelo e Sergio Rattenni di IFR che vedono “una potenzialità sempre crescente del trasporto ferroviario abruzzese. Oltre agli indiscussi vantaggi economici dell’accordo per tutta la regione – hanno concluso i rappresentanti di IFR – l’accordo garantirà il rispetto degli standard europei per il trasferimento del trasporto merci dalla modalità stradale a quella ferroviaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *