Da Berlino la conferma: Fabrizia Di Lorenzo tra le vittime della strage

La scienza ha spento la fioca luce della speranza che si era accesa su Fabrizia Di Lorenzo. La 31enne di Sulmona è ora ufficialmente nella lista delle 12 vittime rimaste uccise nel mercatino natalizio nel quartiere berlinese di Charlottenburg. La certezza si è avuta con l’esame compativo del Dna, reso possibile dopo che il fratello e la mamma di Fabrizio avevano raggiunto Berlino, qualche ora dopo la strage. L’esito è stato annunciato poco fa dal ministro degli Esteri, Alfano.

Ci sono voluti alcuni giorni prima di concludere gli esami, con le autorità tedesche che hanno vietato ai familiari di poter procedere al riconoscimento della loro congiunta, falciata dal camion che un giovane tunisino ha lanciato sulla folla, la sera di lunedì scorso. Che Fabrizia fosse stata lì lo si era capito quando un giovane ha trovato il cellulare e la tessera della metropolitana per terra, vicino Breitscheidplatz, il luogo della strage, consegnandoli poi alla polizia. Ieri Fabrizia sarebbe dovuta tornare in Abruzzo per il Natale. Ed era andata in quel mercatino per comprare qualche pensierino da riportare dalla sua Berlino, scelta dopo il periodo Erasmus, tra il 2006 e 2007, alla Freie Universität, il più grande tra i quattro atenei della capitale federale tedesca, frequentata dopo una laurea magistrale in Scienze internazionali e diplomatiche, presa all’Università di Bologna, e un master alla Cattolica di Milano in tedesco per la comunicazione economica.

Messaggio di cordoglio ma anche di condanna e di fermezza del Presidente della Regione. “La follia omicida del terrorismo ha colpito a Berlino toccando anche l’Abruzzo, e oggi piangiamo la scomparsa di una giovane di Sulmona -ha affermato D’Alfonso -. Il sorriso radioso di Fabrizia Di Lorenzo è la risposta più bella a chi ha la mente devastata dall’odio. Quel sorriso vivrà per sempre nelle foto e nei ricordi di chi l’ha conosciuta; l’odio partorito da una mente bruta è destinato all’oblio del tempo. Alla famiglia di Fabrizia e a quanti le hanno voluto bene l’Abruzzo si stringe commosso: questa è terra feconda di amore, e il terrorismo non passerà”.

Stasera, alle 21:15, a Sulmona si terrà una fiaccolata in ricordo di Fabrizia. I cittadini si sono dati appuntamento spontaneamente attraverso i social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *